Nei primi due mesi del 2017 sono morti in mare tentando di raggiungere l’Europa 485 uomini, donne e bambini. Un dato in aumento rispetto allo scorso anno, quando i decessi erano stati 425. Sono i numeri contenuti nell’ultima analisi dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim). In totale nel 2016 quasi cinquemila migranti sono morti o risultavano dispersi nel Mediterraneo, un dato mai registrato prima. E il 2017 è cominciato con un trend ancor più negativo. Particolarmente pericolosa per chi cerca di raggiungere il Vecchio Continente è soprattutto la rotta tra la Libia e l’Italia, dove il progetto Missing migrants dell’Oim stima infatti che siano morte o scomparse 444 persone dall’inizio dell’anno.

Gli arrivi via mare in Europa sono invece diminuiti: al 26 febbraio sono 16.775, contro i quasi 125mila registrati dopo 57 giorni del 2016. Nel 2017 i migranti arrivano per l’80% in Italia (13.457), il resto in Grecia (2.318) e Spagna (1.000). Proprio cercando di raggiungere la nostra penisola muoiono anche la maggior parte di loro: l’Oim sottolinea come sulla tratta di mare tra la Libia e l’Italia la mortalità sia aumentata di quattro volte, visto che i morti nel 2016 nello stesso periodo erano stati 97. Al contrario, la traversata tra la Turchia e la Grecia, costata 321 vite durante i primi 57 giorni di 2016, è praticamente cessata e quest’anno l’Oim ha registrato un totale di due decessi.

L’ultimo sbarco imponente di migranti in Italia è di sabato 25 febbraio, quando a Palermo sono arrivate 993 persone: 657 uomini, 100 donne e 136 minori, portati in salvo dalla nave norvegese Siem Pilot. Fra di loro anche un bambino nato a bordo della nave poche ore prima dell’arrivo nel capoluogo siciliano. Il piccolo è stato chiamato Seabear, orso di mare, come una delle due scialuppe di salvataggio dell’imbarcazione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, gendarme inciampa e spara per errore durante il discorso di Hollande: due feriti

next
Articolo Successivo

Livorno, l’isola-carcere di Gorgona è una polveriera: pochi agenti, detenuti raddoppiati e difficoltà nei collegamenti

next