A gennaio in Italia si sono spesi 4,091 miliardi per acquistare benzina e gasolio, secondo i dati diffusi dal Ministero per lo Sviluppo Economico. In pratica 462 milioni in più rispetto al gennaio 2015, quando la spesa totale era stata di 3.629 miliardi.

A cosa è dovuta una forbice così ampia? Innanzitutto ad una crescita dei consumi di carburanti nell’ordine dello 0,4%, che tuttavia da sola non giustificherebbe una tale differenza. Ad aumentare, nondimeno, sono stati anche i prezzi medi ponderati di benzina e gasolio, rispettivamente del 9,19% e del 13,66%. Questi incrementi si inquadrano nella più ampia dinamica complessiva dei prezzi al consumo, che a gennaio hanno fatto registrare un +1%.

Chi trae vantaggio da una situazione del genere? Non certo gli automobilisti, e più in generale gli utenti dei trasporti su gomma, che continuano a pagare. Secondo i calcoli del Centro Studi Promotor, è l’Erario a sorridere: sempre nel mese di gennaio, il gettito complessivo dell’iva e delle accise sugli acquisti di carburanti è cresciuto del 3,6% passando da 2.489 a 2.578 miliardi di euro.

Com’è logico attendersi, tuttavia, è il comparto industriale quello a guadagnarci di più. Cioè le aziende che producono e distribuiscono benzina e gasolio: nel confronto gennaio 2015 su gennaio 2016 hanno aumentato la quota di spesa a loro destinata del 32,8%, passando da 1.140 a 1.513 miliardi di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uber, ma non solo: dal car-pooling alle applicazioni per smartphone, tutte le alternative al vecchio (e costoso) taxi

next
Articolo Successivo

Multe, quelle sulle strisce blu sono nulle se i parcheggi a pagamento sono troppi

next