Sì al velo nelle forze armate turche. Il nuovo regolamento, che rimuove un tabù durato decenni, è stato scritto dal ministero della Difesa, che ha ottenuto il via libera dal governo di Ankara. Ma entrerà effettivamente in vigore appena sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale. Sotto gli elmetti o i berretti, il velo, l’hijab, potrà essere indossato solo se, stabilisce il nuovo regolamento, “avrà lo stesso colore dell’uniforme e non presenterà nessun disegno o motivo”.

La rimozione di questo tabù, definita storica da alcuni giornali, arriva a poca distanza dalla rimozione di altri divieti a indossare il velo ad opera del governo di Erdogan. Nell’agosto del 2016 era stato concesso il permesso alle donne poliziotto di indossare il copricapo durante il servizio. Tre anni prima, nel 2013, il governo aveva dato il via libera ad indossarlo nelle istituzioni statali, così le prime deputate a capo coperto avevano fatto il loro ingresso nelle aule parlamentari. Mentre nel 2010 era stata la volta delle università.

Per gli oppositori di Erdogan è solo l’ultimo segnale di un percorso verso l’islamizzazione del paese. Un processo che è accelerato dopo il fallito golpe del 15 luglio 2016 a cui il governo – che ha sempre accusato Fetullah Gulen, imam turco in esilio, di esserne la mente – ha risposto con purghe di centinaia di migliaia di persone dalle istituzioni statali, dall’esercito e dai giornali. Il corrispondente della Bbc in Turchia, Mark Lowen, ha dichiarato che “la parte secolarizzata del paese ora si sente ostracizzata da Erdogan e lo accusa di governare da conservatore, solo per mantenere il consenso della popolazione religiosa”. Un sostegno necessario in vista del referendum del 16 aprile per la riforma della costituzione che darebbe più poteri a Erdogan, trasformando il Paese in una repubblica presidenzialista. Una forma di governo che toglie poteri al Parlamento, che non avrebbe più contrappesi per bilanciare il potere.

Nel gennaio scorso la riforma aveva ottenuto l’ok del parlamento con 339 “sì” su 550 deputati, un numero non sufficiente per mettere in vigore le nuove disposizioni.“L’errore che è stato fatto in Parlamento può essere cancellato dal popolo” aveva detto Kemail Kilicdaroglu, il segretario del principale partito di opposizione, il repubblicano Chp, e aveva invitato gli elettori a “rovinare” i piani dei sostenitori della riforma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, la resa dei Sioux dopo la decisione di Trump: sgomberato il campo, l’oleodotto si farà

prev
Articolo Successivo

Donald Trump e il rischio di ostacolare la pace in Medio Oriente

next