Il plastico in sughero del 1861 delle rovine di Pompei al Museo Nazionale di Napoli. Il processo di digitalizzazione e di modellazione 3D, durato circa un anno, ha visto archeologi dell’IBAM e gli specialisti del Laboratorio di Archeologia Immersiva e Multimedia impegnati in un’accurata campagna di documentazione fotografica svolta sul campo. Tramite un carrello mobile appositamente costruito per effettuare le “strisciate fotografiche” sull’area del plastico e attraverso un’inedita metodologia di “macro-aerofotogrammetria”, gli specialisti del LAIM hanno potuto acquisire il dataset necessario alla fotomodellazione 3D dell’intero plastico, delle singole insulae e delle singole domus.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La vista dall’aereo toglie il fiato. Ma quando apre l’oblò per scattare una foto accade l’imprevedibile

prev
Articolo Successivo

Michele Emiliano canta “Buonanotte fiorellino” a Radio Rock dedicandola (anche) a Renzi

next