“Pronto? Mi porta, entro le 21, una Capricciosa e una 4 Stagioni? Ops: volevo dire, mi porta cinque scatole dei miei condom del cuore? Me le recapiti entro mezz’ora. Mi raccomando, è piuttosto urgente. Abito in via…”. Era nell’aria, e si annunciano sciami di pony express dell’amore. Farmacie, negozi generici e distributori automatici non bastavano più. Non più solo pizze, calzoni e supplì: arriva SexAPPeal, la prima app italiana che consegna preservativi a domicilio. Per non rischiare di restarne senza nel bel mezzo di un rendez-vous sessuale casalingo. Magari occasionale o clandestino. L’idea è balenata nella mente di Alberto Clemenzi, uno studente di Medicina: “Ero a cena con degli amici quando mi si è accesa la lampadina. Stavamo ordinando una pizza a domicilio e allora abbiamo pensato, scherzando, che sarebbe stato utile offrire anche un servizio di quel tipo”. Il resto l’hanno fatto le lezioni universitarie seguite dal giovane: con tutte queste malattie sessualmente trasmissibili in circolazione, perché non unire il socialmente utile al finanziariamente dilettevole? E con SexAPPeal verrà esaudita velocemente ogni esigenza del cliente: profilattici di varia foggia, colore e dimensione e altri sex toys spediti e recapitati in tempo reale. Sacra e inviolabile, poi, resterà la privacy degli acquirenti: non ci sarà traccia  visibile né del contenuto del pacco né del nome del consumatore. Quando i clienti effettueranno l’ordine, ai dipendenti giungerà una notifica e la consegna sarà smaltita entro venti minuti. Perché la passione non ammette lungaggini di stampo burocratico. “Ringrazio mia mamma, che ha sostenuto economicamente e idealmente il mio progetto” ha commentato ancora il novello imprenditore del safe-sex “prêt-à-porter”.

Al momento l’app è attiva nella zona di Pavia, ma nelle intenzioni di Alberto sarà colonizzata presto l’intera penisola. La sua utenza di riferimento? Gli universitari stanziali e fuori sede e le città studentesche. Ma c’è da scommettere che una gran massa di ordini arriverà anche da chi si è laureato svariati decenni fa. Intanto il ragazzo continua a sognare di diventare un medico e così affianca allo shopping online pillole di igiene ed educazione sessuale. Benché ancora territorialmente circoscritti, i suoi preservativi a domicilio vanno già a ruba: “In una giornata-tipo facciamo circa 30-40 consegne. E spesso mi è capitato di effettuarne qualcuna personalmente, pur di non perdere il cliente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Angelina Jolie parla per la prima volta di Brad Pitt dopo il divorzio: “Saremo sempre una famiglia”

next
Articolo Successivo

Tifanny Pereira, scende in campo la pallavolista che prima era un uomo

next