E’ iniziato nella chiesa di San Nicola Vescovo a Farindola il primo funerale di una vittima del disastro dell’hotel Rigopiano. Si tratta del maitre dell’albergo, Alessandro Giancaterino, 42 anni di Farindola, a pochi chilometri dal luogo dove è caduta la valanga. La chiesa è gremita e la bara è stata portata a spalla sotto la pioggia dal Comune, dove era stata allestita la camera ardente.
Ci sono i familiari di Giancaterino, tra cui la moglie Erika e il fratello Massimiliano, il prefetto di Pescara Francesco Provolo e il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta. E’ presente anche Fabio Salzetta, il tuttofare dell’hotel Rigopiano, scampato al disastro, che ieri sera ha saputo della morte della sorella Linda, che lavorava all’albergo come estetista ed è stata estratta cadavere dalle macerie. I due sono di Farindola. Nel pomeriggio a Penne si svolgeranno le esequie di Gabriele D’Angelo, 31 anni, cameriere dell’hotel Rigopiano. C’è tanta gente anche nella piazza davanti alla chiesa di Farindola. Circondato dall’affetto di parenti, amici e concittadini del padre il figlio di Giancaterino, Niccolò di 9 anni. Al funerale assiste anche il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico, che in questi giorni segue le operazioni di soccorso dal centro operativo di Penne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Andria, tripudio kitch nella casa del ladro: dichiarava un reddito esiguo ma viveva nello sfarzo

prev
Articolo Successivo

Giulio Regeni, Enrico Mentana: “Perché per un anno ci hanno raccontato balle?”

next