Amleto De Silva già vignettista di Cuore, Smemoranda & via discorrendo, blogger del suo famigerato amlo.it, autore di due saggi di costume Stronzology e Degenerati, entrambi editi da Liberaria, nonché vincitore nel 2000 del premio satira politica di Forte dei Marmi, che però medita di restituire, ha appena pubblicato per Magic Press un dizionario sui #GiovaniMerda che, assai ben illustrato da Boban Pesov, ha tutta l’aria di assurgere non solo ai piani alti della satira che, secondo Vincenzo Sparagna, è cosa terribilmente seria, ma anche a quella dei dizionari sociologici, tipo Larousse per intenderci, di quelli antropologici e magari anche di quelli psicopatologici tout court, nella misura in cui (sic!) a ogni singolo giovane talento italiano costretto a fuggire all’estero, ne corrispondono diversi altri, quelli a cui De Silva si riferisce, che nel caso fuggissero verrebbero rimpatriati col foglio di via.

“Da che mondo è mondo – spiega De Silva – gli anziani hanno sempre redarguito e criticato le nuove generazioni e quasi sempre i giovani hanno avuto ragione, anche se qualche volte sul filo di lana”. Ma “oggi, invece, assistiamo a un evento epocale” visto & considerato che “per la prima volta nella storia, i giovani hanno torto marcio, e gli anziani hanno ragione. Indolenti, accidiosi, presuntuosi, reazionari (soprattutto quando si atteggiano a sinistra pura e dura), pressappochisti, cazzocanisti, i giovani d’oggi si sono trasformati negli anziani di ieri”. Insomma, ai tradizionali babbioni d’antan sembra siano subentrati i giovani babbioni d’oggi dì. Ma prima di procedere almeno all’individuazione della causa principale – quella che ha determinato questo storico evento e in base a quali valori o disvalori si sia potuto tramandare – questo dizionario illustrato, “tra un’overdose di politically correct e orride canzoncine indie suonate male”, gettando uno sguardo ironico, sarcastico e spesso meritatamente rancoroso, traccia un’esilarante mappa alfabetica dei molti e articolati limiti & difetti di una consistente percentuale delle nuove generazioni, di cui di seguito riportiamo una selezione di alcune voci:

Abasia s.f. (med.) incapacità parziale o totale di camminare, spesso di origine psichica. Normale camminata del #giovanemerda, che quando lo incontri per strada nove volte su dieci ti crolla addosso come idiota umbriaco senza nemmeno la scusa di  aver bevuto. E in più ti dice pure guarda ndo’ vai ‘a zi’.

Abbaio s.m. Un abbaiare inesistente e prolungato. Se lamentoso e particolarmente molesto, tipico dei cantanti indie. Se anche stonato, tipico dei cantanti indie italiani.

Anarchia s.f. Dottrina sociale politica che, partendo dal diritto dell’assoluta libertà dell’individuo da lacci e lacciuoli di qualsiasi genere, autorizza i figli dei ricchi a chiederti i soldi per la birra in mezzo alla strada.

Assemblea s.f. Riunione di persone indetta allo scopo di non fare un cazzo, di non decidere un cazzo e infastidire la maggior quantità di persone possibile.

Background s. ingl. Ovverosia i libri che non ha letto, i dischi che non ha ascoltato, gli studi che non ha completato.

Bighellone s.m. Fannullone, perditempo, sfaccendato da bar, buono a nulla, fancazzista, lazzarone, perdigiorno, studente Erasmus.

Capitalismo s.m. Sistema economico ingiusto e oppressivo basato sullo sfruttamento dell’uomo ( detto Proletario) da parte dell’uomo ( in questo caso detto Porco Capitalista) che il #giovanemerda tende a rifiutare ideologicamente e praticamente, talvolta rinunciando perfino a una delle sue settimane bianche a Cortina, specialmente se non c’è neve.

Darwinismo s.m. La teoria dello scienziato inglese Charles Darwin che, vista l’esistenza dei #giovanimerda, può significare due cose: a) la teoria di Darwin è una gran cazzata, oppure b) stiamo per estinguerci.

Dichiarazione s.f. Comunicazione ufficiale del fatto che il #giovanemerda intende lasciare la scuola per fare la vita dell’artista girovago e bohémienne, lontano dal carrierismo e dagli ideali borghesi e che per farlo abbisogna di un camper pluriaccessoriato da ottantamila euro.

Eroe s.m. Persona che con gesti incredibili, immane coraggio e sprezzo del pericolo e delle consuetudini borghesi riesce a conseguire la Maturità prima dei trent’anni.

Ha collaborato Sabrina de Gaetano
(continua…)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caro Franceschini, i monumenti di Roma sono di tutti: la cultura non può essere solo business

next
Articolo Successivo

Teatro: Alessandro Gassman porta ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’ nel manicomio di Aversa

next