E così, dopo i Verdi, anche i Liberali hanno respinto l’adesione del Movimento Cinque stelle al loro Gruppo al Parlamento europeo.
Sarebbe un errore pensare che queste decisioni siano state prese in modo superficiale o per partito preso. Almeno per quanto riguarda i Verdi, i quali hanno seguito un metodo diverso da quello di Guy Verhofstadt, organizzando senza clamore una discussione interna e un voto prima di iniziare a definire i termini concreti di un possibile accordo di adesione al gruppo dei Verdi-alleanza Libera europea dei deputati del M5Stelle.

Siamo sempre stati interessati a un dialogo con il Movimento. Al Parlamento europeo si lavora insieme su molte cose importanti: dal cambiamento climatico, alla tutela dell’ambiente, dall’energia alla battaglia contro la grande coalizione PSE-PPE – che soffoca l’azione del Parlamento a favore di un’Europa diversa -, fino a quella contro l’elusione e l’evasione fiscale; nonostante il gruppo con Farage e le posizioni del fondatore sull’immigrazione, anche su diritti civili e rifugiati ci sono state molte convergenze con gli eletti 5 Stelle a Bruxelles.

Nei Verdi, il dibattito interno è stato acceso e non sono mancate voci favorevoli all’inizio di conversazioni più concrete. Ma un gruppo politico non è un autobus, dal quale si sale e si scende a volontà. Per gli eurodeputati Verdi, i motivi per i quali, dopo una discussione circostanziata, è stata rifiutata la proposta di aprire un negoziato con il M5S sono sostanzialmente tre.
Il primo è la fondamentale ambiguità (per usare un eufemismo) del Movimento rispetto alla costruzione europea; i Verdi, pur con accenti diversi, sono profondamente europeisti e rifiutano ogni tentazione nazionalista o di delegittimazione delle istituzioni europee. Il nazionalismo è guerra. Senza Commissione, Parlamento e Corte di Giustizia, senza leggi e regole sovranazionali, restano solo i rapporti di forza fra gli Stati.

L’Unione europea ha limiti politici e istituzionali contro i quali ci siamo sempre battuti con coerenza, spesso in solitudine, da molto prima che nascesse il M5S. Ma non crediamo che ristabilire le frontiere, fomentare la divisione e l’ostilità fra le persone e i popoli, chiacchierare di una presunta riconquistata sovranità, perdere tempo a sognare il ritorno alla lira, ci faccia avanzare. Anzi. Saranno proprio quelli che oggi soffrono di più a causa delle folli politiche di austerità a essere le prime vittime della fine del sogno europeo.

Non sono belle parole. Per battere i cambiamenti climatici, fermare gli evasori piccoli e grandi, chiudere i paradisi fiscali, battere le forze della finanza predatrice, promuovere la partecipazione e il coinvolgimento dei cittadini, preparare la grande trasformazione ecologica, avviare un’economia diversa – temi che Grillo e i suoi da sempre sostengono – c’è assoluto bisogno di una struttura sovranazionale che funzioni, e non di chiudersi in piccole patrie irrilevanti nel grande gioco mondiale. Su questo tema, il Movimento è ambiguo, dà un colpo al cerchio – cercando di rubare voti ai leghisti – e uno alla botte – cercando l’accordo con Verhofstadt a Bruxelles.

Ci sono poi le posizioni sempre più estreme di Grillo e di alcuni importanti esponenti del Movimento sul tema dell’immigrazione e delle politiche di accoglienza: chi non ha diritto di asilo fuori subito: un’inaccettabile semplificazione e una dimostrazione di un cinico opportunismo che gioca con la vita delle persone senza tenere in conto della realtà concreta di un fenomeno difficile e strutturale, che può essere gestito solo evitando di fomentare paura e risentimento.

Infine, c’è la mancanza di democrazia interna e di autonomia degli eletti del M5S e la strana relazione con un’impresa privata, la Casaleggio Associati: elementi che appaiono agli occhi dei Verdi europei come l’espressione di una cultura politica autoritaria, in totale contrasto con la dichiarata ambizione di favorire partecipazione e trasparenza.

Sul blog di Grillo, si dice che le ragioni di questo rifiuto sono determinate dal timore di fronte a uno stravolgimento degli equilibri interni dei Verdi europei. In realtà, il Gruppo è già abbastanza “vario”, dato che accoglie, oltre ai Pirati, degli esponenti dei partiti regionalisti di alcuni paesi, dalla Scozia alla Catalogna; non abbiamo mai avuto paura della diversità. Direi piuttosto che c’erano perplessità di fronte a un metodo di battaglia politica che fa dell’attacco sistematico, anche personale, e del repentino cambio di fronte una pratica comune, cosa che rende il M5S un imprevedibile compagno di viaggio.

Molti pensano ancora che l’Europa sia solo un posto per grigi burocrati e che la politica sia un’altra cosa. Invece si sbagliano. Nella vicenda di indubbio interesse della collocazione del Movimento 5 stelle nell’Europarlamento, le questioni che si sono poste sono importanti e squisitamente politiche. Dopo una brutta giornata, Grillo e i suoi hanno già cominciato a battere la gran cassa dell’unico partito anti-establishment per giustificare la loro disavventura europea. Sicuramente riusciranno a convincere una parte importante della base, che continuerà a riversare male parole su tutti noi. Sia. Ma la discussione sul ruolo del M5S in Europa non finisce qui. Se non altro perché, per il consenso di cui gode, è rilevante per tutti il fatto che scelga di cedere alla tentazione euroscettica e leghisteggiante, o invece venga a rafforzare il fronte della riforma democratica dell’Unione, accettando magari anche di rimettere in discussione alcuni dei suoi metodi e contenuti. Sta al M5S scegliere da che parte stare in questo momento cruciale della nostra storia comune di italiani ed europei.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, al Parlamento Ue no dei liberal-democratici all’ingresso dei Cinquestelle. Grillo: “L’establishment è contro di noi”

next
Articolo Successivo

Giuliano Poletti, Guerini (Pd): “Il ministro deve dimettersi? Assolutamente no”

next