Dopo aver presentato meno di un mese fa un feature phone, il Nokia 150, HDM Global ha annunciato per la prima metà del 2017 l’arrivo del Nokia 6, il suo primo smartphone Android. Il nuovo terminale dell’azienda finlandese sarà, almeno inizialmente, dedicato al solo mercato cinese dove sarà proposto a 1699 Yuan, poco più di 230€.

Il Nokia 6 avrà specifiche da medio di gamma montando un display fullHD da 5,5″, un SoC Qualcomm Snapdragon 430, 4GB di RAM, 64GB di storage, fotocamera posteriore da 16Mpixel, fotocamera anteriore da 8Mpixel, lettore di impronte digitali e doppio speaker con supporto alla tecnologia Dolby Atmos, il tutto protetto da una scocca in alluminio anodizzato. Il reparto software sarà affidato ad Android 7.0, ma non si sa ancora se sarà una versione pura o con una UI custom.

Il mercato cinese potrebbe essere per il nuovo corso del marchio Nokia un buon banco di prova, in attesa che HDM annunci la nuova linea di dispositivi destinati anche ai mercati occidentali, dove tra alti e bassi lo storico marchio finlandese conta ancora numerosi estimatori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ebook, ora Kobo ha una piattaforma per vendere. Ma Amazon non sta a guardare

next
Articolo Successivo

CES 2017: LG, Samsung e Sony presentano nuove TV sempre più sottili e smart. Il curvo è già sulla via del tramonto

next