Ennesimo aumento per la doppia tratta autostradale A24 (Roma-L’Aquila-Teramo) e A25 (Torano-Avezzano-Pescara), in concessione da quindici anni alla Strada dei Parchi del gruppo Toto. L’unico collegamento diretto tra l’Adriatico e il Tirreno, che si snoda anche attraverso oasi e parchi naturali, castelli e borghi storici. Peccato però che molti, soprattutto autotrasportatori, e studenti e lavoratori pendolari diretti a Roma, abbiano smesso di prenderla vista l’inesorabile escalation delle tariffe. Quest’anno il ritocco sarà del +1,62% medio, e bruciano ancora i numeri del recente passato. Negli ultimi 13 anni su A24 e A25 i pedaggi sono aumentati infatti del 187%, e dal 2009 al 2016 l’aumento è stato del 42,88% a fronte di una lievitazione dell’inflazione del 10%. Oggi per coprire (in auto o in moto) i 208 km che separano Pescara Nord da Roma, casello-casello, bisogna sborsare 21 euro e 30 centesimi. Quasi il doppio del costo dei biglietti dei pullman che tutti i giorni percorrono la medesima tratta.

“Un comportamento inqualificabile e vergognoso che si trascina da anni – queste le parole di Gianni Melilla, deputato pescarese di Sinistra Italiana -. La nostra autostrada è vecchia e insicura. Basta ricordare come per 100 km da Chieti a Magliano dei Marsi non c’è alcuna stazione di servizio. Uno scandalo nazionale”. Quattro anni fa manifestarono il proprio dissenso numerosi sindaci, imprenditori e sindacalisti abruzzesi; ma da allora gli aumenti non sono cessati, perché stabiliti dal bando di gara e dalla convenzione di inizio 2000. Rincari automatici. In teoria, nemmeno l’Anas potrebbe nulla contro la moltiplicazione delle tariffe su A24 e A25.

“I proventi dei pedaggi sono destinati a sostenere le spese di ammodernamento, gestione e manutenzione della rete”, nonché “a recuperare il prezzo pagato in caso di procedure di vendita o privatizzazione – replica la società Strada dei Parchi di Carlo Toto -. E i criteri per la determinazione delle tariffe sono stati stabiliti da un bando di gara in base a un insieme di parametri quali il tasso di inflazione, il totale degli investimenti effettuati, gli ammortamenti e i costi di gestione. Il meccanismo di calcolo è fissato rigidamente da una formula che è inserita nella convenzione e nelle norme in materia di servizio pubblico dato in concessione. Queste sono polemiche strumentali e abitudinarie, stucchevoli”.

Aggiunge Melilla: “E’ ora che le istituzioni abruzzesi facciano sentire la loro voce, a fianco dei cittadini, pendolari e autotrasportatori”. La politica sta alla finestra: “Il più potente esponente politico abruzzese, il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, è uno che si è autodefinito nei processi che lo hanno coinvolto “damo di compagnia” dei Toto (Carlo è stato anche suo testimone di nozze) – racconta Maurizio Acerbo, leader abruzzese di Rifondazione comunista -. Nell’anno passato abbiamo ottenuto una grande vittoria sventando il mega-progetto da 6,7 miliardi e 50 km di nuove gallerie presentato da Toto per allungare la concessione di altri 35 anni, a cui D’Alfonso aveva dato parere favorevole senza averne mai parlato, né in campagna elettorale, né dopo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicurezza dei voli, dopo il braccio di ferro con il governo l’Enac ottiene il via libera per assumere 20 controllori

prev
Articolo Successivo

Mediaset-Vivendi, l’assist di Silvio Berlusconi a Bolloré sull’affare Telecom

next