Cosa si fa stasera, si va a bere qualcosa? Se un tempo uscire di casa, andare in un locale e ordinare un drink era solo pretesto per stare insieme a qualcuno, ora non è più così. Oggi si esce per cercare il posto giusto, il bartender che ti conquisti e il cocktail che ti esalti. Scegliere quello giusto è diventata cultura indispensabile per il consumatore e avere la certezza che sia preparato per benino è solo il requisito minimo. FQMagazine oltre a proporvi 15 ricette di famosi bartender, vi indica anche i luoghi dove poter assaggiare i singoli drink (qualora foste pigri e desiderosi solo di sedervi, osservare lo shaker muoversi e sorseggiare il vostro cocktail in serenità).

Bouncing Dude
di Filippo Sisti, Carlo e Camilla in Segheria, Milano

bouncingdudeIngredienti:
50 ml melone cotto al vapore avvolto in una foglia di loto
10 ml di bitter gagliardo gastrique (marmellata più liquida a base di aceto)
45 ml gin tanqueray

Tecnica di preparazione cocktail:
Shakerare e servire in una tazzina senza ghiaccio.

Finire con una spuma chiamata “fluffy foam” che si prepara con centrifuga di barbabietola e cavolo viola, vino rosso, succo di cranberry, pasta di marshmallow. Decorare con roselline secche e riso soffiato zuccherato.
L’abbinamento perfetto è con torte a base di cioccolato e frutta secca.

Cocktail,14 ricette di grandi bartender da riproporre a casa

AVANTI
Capitoli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chef suicidi, il “male di vivere” della professione

prev
Articolo Successivo

Natale, 10 ricette della tradizione: dalle lasagne al panettone. Ecco come innovare i grandi classici

next