Un altro italiano trovato morto in una favela a sud di Rio De Janeiro. Secondo i media locali, la vittima è Roberto Bardella, 52 anni. A darne notizia è il quotidiano brasiliano ‘O Globo‘. Dalle prime ricostruzioni, sembra che la vittima sia entrata per sbaglio nel Morro dos Prazeres, la “Montagna dei piaceri”, favela del quartiere di Santa Teresa, per accompagnare un amico, anch’egli italiano, Rino Polato, 59 anni, che è riuscito a fuggire.

La favela è considerata “pacificata” e per la sua altitudine, 275 metri, viene segnalata sulle guide come un punto di osservazione privilegiato delle bellezze di Rio. La scomparsa dei due era stata segnalata alla polizia che ha dato subito il via alle ricerche. Gli agenti hanno ritrovato il corpo del primo italiano in via Cândido de Oliveira, mentre il secondo, illeso, è stato poi localizzato in una delle vie di accesso alla favela. I poliziotti hanno recuperato anche le due motociclette con cui i due si erano spostati.

Quello di oggi è il terzo caso di italiani uccisi in Brasile in poco meno di un mese. Tre giorni fa, il 5 dicembre, Alberto Baroli, 51 anni, milanese residente a Parigi, è stato accoltellato a morte durante una rapina nella villetta che aveva affittato per una vacanza sulla spiaggia di Beberibe, 80 chilometri a nord di Fortaleza, nello stato del Nordest di Cearà. Un caso che sembra essere a una svolta, visto che gli inquirenti hanno convocato una conferenza stampa a cui parteciperà anche l’ufficiale di collegamento italiano dello Scip (Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia della Criminalpol) di stanza a Rio de Janeiro, che era stato immediatamente inviato sul posto dal Dipartimento della polizia. Il secondo omicidio, invece, è stato quello di Pamela Canzonieri, 39enne ragusana, trovata senza vita nel suo appartamento a Morro de Sao Paulo, a Bahia, nella notte fra il 17 e il 18 novembre scorso. Un suo vicino di casa è stato fermato per l’assassinio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

India, un mese di demonetizzazione. File agli sportelli nelle città, crollo dell’economia informale in campagna

prev
Articolo Successivo

Terremoto di magnitudo 7.8 alle Isole Salomone: rientra allerta tsunami per le isole Hawaii

next