Prodone mi ha fatto uno scherzo. E’ un figlio di mignotta. Non so cosa sia successo, credo che si sia preso un po’ di paura“. Sono le ironiche parole pronunciate ai microfoni di 24 Mattino (Radio24) da Alberto Forchielli, presidente di Osservatorio Asia e storico amico e collaboratore di Romano Prodi. “Vi racconto la cronaca” – spiega l’economista – “all’inizio decidemmo tutti e due di votare per il Sì. Poi lui virò verso il No, ma io tenevo duro sul Sì. Successivamente riuscì a farmi ‘scarrozzare’ sul No. Dopo lui mi diede una lunga spiegazione sulla sua nuova decisione di restare imparziale. Mi sveglio stamattina e leggo che lui voterà Sì. Sulla mia pagina facebook mi dicono tutti: “Hai visto il tuo amico del cazzo?””. E aggiunge: “Così ho telefonato al figlio di Romano e gli ho chiesto: ‘Ma che è ‘sta storia?’. E lui mi risponde: ‘Guarda, non ne ho idea anche io. Papà fino a due ore fa era per non schierarsi. Non sappiamo cosa sia successo. Avrà avuto un raptus‘”. Forchielli ipotizza tre ragioni dietro la sterzata di Prodi: “Secondo me, c’entrano le pressioni di Arturo Parisi e di tutta quella compagnia. Poi avrà ricevuto qualche telefonata che gli avrà fatto paura su ipotesi di crisi finanziarie e altro. In più, Prodone ha sempre pensato che vincesse il Sì. Ma dentro di sé è per il No, anche perché non ha nessuna simpatia per Renzi“. Nel finale, l’imprenditore si pronuncia scherzosamente sull’eventualità di un governo tecnico con Padoan: “Oh, no! Ogni volta che lo sento nominare mi tocco i maroni. Franceschini al posto di Renzi? Ah, bene, siamo a posto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, la pornostar Pd Malena: “Voto Sì. Chi vota No è bigotto. Sono ancora nell’assemblea del partito”

next
Articolo Successivo

Referendum, Bianconi: “Prodi vota Sì? Gli mando un vaffa. Anzi lo arresterei. Lui è il padre di questo disastro”

next