«Ricordo che andammo ai grandi magazzini e comprammo migliaia di fazzoletti bianchi. “Se vi viene da ridere, infilatevi uno di questi in bocca”. Una volta, nel bel mezzo delle riprese di una scena, mi voltai e vidi un mare di fazzoletti in bocca a tutti. Mi dissi: “Abbiamo per le mani un grande successo. Questo film sarà decisamente un grande successo”. Perché l’unico test per una commedia è quello delle risate a crepapelle. Non mi interessa quanto siano belle le luci, quanto sia superlativa la sceneggiatura, quanto siano meravigliosi gli attori. Se stai facendo una commedia e la crew non cade a terra tenendosi la pancia dalle risate, allora hai per le mani un fiasco. Prima le risate, poi la qualità. Mi dispiace, ma è la pura verità».

Parola di Mel Brooks, regista di alcuni dei più divertenti film della storia del cinema e, segnatamente, di Frankenstein junior, che a quarantadue anni di età (uscì negli Stati Uniti il 15 dicembre 1974) viene celebrato con un libro ricco di aneddoti (come quello dei fazzoletti anti-risata) e foto di scena: Frankenstein Junior – Memorie dal set e altre quisquilie, scritto da Mel Brooks medesimo con Rebecca Keegan e pubblicato in Italia da Sagoma editore.

Se il film ha fatto e continua a far ridere a crepapelle milioni di spettatori, come previsto dal suo regista, il libro non è da meno. La genesi di alcune scene topiche è quasi più divertente delle scene stesse. Per esempio, quella fra Marty Feldman (Igor – Aigor, in inglese stessa pronuncia di “eye-gore”, sanguinolenza degli occhi) e Madeline Kahn (Elizabeth, fidanzata di Freddie Frankenstein – Gene Wilder) così come è raccontata dalla giornalista Loraine Alterman, che vi assistette sul set (e che poi nella vita sposò il “mostro” conosciuto in quell’occasione): «Mel si mette al lavoro sul dialogo tra Marty e Madeline al momento del suo arrivo. Senza preavviso Marty comincia a mordere selvaggiamente il pellicciotto di volpe e ringhia, e Madeline allora lo colpisce sulla testa con la sua borsetta. “Di colpo ci siamo messi a fare i fratelli Marx”, dice Gene. “In questa scena ci sono tutti i Fratelli Marx, Groucho, Harpo e Zeppo”, risponde Mel. Tutte le volte che cercano di andare oltre la battuta (“Lei porta la bionda e io questa qui col turbante”, ma Freddie si riferiva alle valigie, ndr) tutti – attori, tecnici e lo stesso Mel – non riescono a non  scoppiare a ridere di fronte alla perfetta performance alla Groucho Marx di Marty. “Non verremo mai a capo di questa scena”, sentenzia Mel trattenendo un sorriso. “Non facciamo che ridere. Ok, allora, al diavolo il pubblico, almeno ci siamo divertiti”».

Ma il libro è anche la celebrazione di tutti gli artefici del grande successo del film, dai più noti ai meno conosciuti. Pochi sanno, per esempio, che il soggetto è di Gene Wilder (scomparso a 83 anni nell’agosto scorso) e la sceneggiatura scritta a quattro mani da lui e da Mel Brooks. O che la maggior parte degli arredi scenici del laboratorio di Frankenstein proveniva dall’equipaggiamento originale del film primigenio, ispiratore di tutti quelli che seguirono, e cioè il Frankenstein di James Whale del 1931. Racconta il produttore Michael Gruskoff: «Il nostro production manager, Frank Bauer, fece una scoperta incredibile: Kenneth Strickfaden, l’artista degli effetti speciali che aveva disegnato i luccicanti e ticchettanti macchinari di laboratorio dei film di James Whale, viveva a Santa Monica e conservava ancora nel suo garage tutti gli arredi scenici elettrificati. Così andammo a recuperarli nel garage di Strickfaden, che li rimise in funzione per noi». Non senza rischi: “Sono sicuro che abbiamo rischiato la vita di Peter Boyle un mucchio di volte, versandogli addosso zuppa bollente o dando fuoco al suo pollice”.

Quella della zuppa è un’altra scena clou, interpretata oltre che da Boyle (il mostro o creatura) da un grande attore che pochi, all’epoca, riconobbero: Gene Hackman (lavorò a titolo quasi gratuito pur di partecipare a questa storia di straordinaria follia), trasformato in Abelardo, l’eremita cieco e barbuto che ustiona la povera creatura. E a proposito del mostro: la cerniera alla base del collo fu un’idea del regista, prontamente realizzata da William Tuttle, artefice anche del particolare cerone verde che, con la pellicola in bianco e nero, dava a Boyle un’aria ancora più sinistra:  «Con Mel Brooks c’è da aspettarsi sempre qualcosa di nuovo e di meraviglioso. Lavorare con lui è sempre un grande spasso».

E per qualcuno il coinvolgimento e il divertimento furono tali che non voleva più abbandonare il set: «L’ultimo giorno di riprese, dopo aver girato l’ultima scena, tutti se ne andarono. Gene sedette sul bordo del letto che avevamo usato nella scena con lui e Teri (Teri Garr-Inga, Ndr). Disse: “Ho qualche idea per alcune nuove scene”. Gli dissi: “Gene, è finita. Abbiamo finito di girare tutto. Abbiamo un inizio, uno svolgimento e una fine. È perfetto!” Gene seppellì il viso tra le mani e mi disse: “Mel, non voglio tornare a casa. Voglio rimanere qui. Questo è il periodo più felice della mia vita”».

Per tantissimi altri, furono e restano i 95 minuti più esilaranti della loro vita. Almeno al cinema.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Daniel Pennac “regala” ai suoi fan un nuovo romanzo con protagonista Benjamin Malaussène

prev
Articolo Successivo

Faust-Mephisto a Genova, dalla crisi nasce la libertà. Due chiacchiere con Andrea Liberovici

next