Espugnata dal centrodestra la roccaforte rossa di Monfalcone (Gorizia). La candidata del Carroccio Anna Maria Cisint, sostenuta anche da Forza Italia, da Fratelli d’Italia e da alcune liste civiche, è il nuovo sindaco della città del Friuli Venezia Giulia con 6.642 voti (62,49%). E’ stata battuta al ballottaggio Silvia Altran, sindaco uscente sostenuta dal Partito democratico, che si è fermata al 37,51%, pari a 3.897 preferenze. Il primo a esultare è stato il leader della Lega Nord Matteo Salvini che su Facebook poco dopo lo spoglio ha scritto: “Vado a nanna felice, anche perché dopo decenni di giunte di sinistra Monfalcone ha un sindaco della Lega: buon lavoro ad Anna Cisint e a tutta la sua splendida squadra”. Il Carroccio ha vinto le elezioni amministrative di domenica 6 novembre anche a Codroipo (Udine).

A commentare la sconfitta dei democratici è stato l’ex segretario Pierluigi Bersani che, nel pieno del suo scontro con il presidente del Consiglio, ha citato il caso: “Per una singolare coincidenza”, ha detto da Palermo, “nello stesso momento in cui i leopoldini gridavano ‘fuori, fuori‘contro la minoranza Pd, avevamo un ballottaggio a Monfalcone, da sempre carne nostra, dove abbiamo preso uno bastonata storica dalla Lega, perché gran parte dei nostri non sono andati a votare. Io non c’ho dormito, non so altri”. L’ex segretario Pd si è agganciato al caso del paese in provincia di Gorizia per lanciare un allarme al partito: “Sto cercando di tenere dentro al Pd quel popolo che in parte è già fuori, come dimostra il voto a Monfalcone, ma se il segretario dice ‘fuori, fuori’ bisognerà anche rassegnarsi a un certo punto”. Anche Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, ha espresso soddisfazione per la vittoria nella città “finalmente liberata dalla sinistra”. “I cittadini dicono no a Renzi” ha scritto la Meloni, augurando buon lavoro alla Cisint e  Fabio Marchetti, nuovo sindaco di Codroipo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Leopolda 2016, corso motivazionale in stile Herbalife

next
Articolo Successivo

Parma, Pizzarotti chiama a raccolta gli amministratori locali. E c’è già chi parla di “partito dei sindaci”

next