I cittadini napoletani non hanno dubbi, l’abolizione di Equitalia e lo “sconto” sulle more e sulle sanzioni è il “solito annuncio prima delle elezioni”. Fuori la sede partenopea di Corso Meridionale ci sono contribuenti che non hanno intenzione di pagare finché non si avranno notizie certe sul futuro dell’ente, altri invece corrono a saldare il proprio debito col Fisco, perché temono che l’abolizione di Equitalia possa creare ancora più confusione nel sistema di riscossione. Gli stessi dipendenti di Equitalia temono per il proprio posto di lavoro, visto che al momento regna l’incertezza e stanno pensando ad uno sciopero. Insomma, nel capoluogo partenopeo l’ipotesi di rottamare l’ente di riscossione è stata accolta con molto scetticismo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Petrolio, la crisi del petrodollaro a cui nemmeno la Germania può sottrarsi

next
Articolo Successivo

Legge di bilancio, luci e ombre

next