billy cobhamEsiste una bella realtà in Italia, più precisamente a Milano, un’etichetta discografica, la Nicolosi Production, che oltre a produrre artisti di fama internazionale, scrive composizioni, realizza album, arrangia le tracce e in più suona assieme agli stessi artisti i brani che finiranno sul disco, distribuendolo poi in tutto il mondo. E l’ultimo lavoro prodotto è quello di una leggenda della musica jazz, un’icona della batteria: Billy Cobham, che ha realizzato il quarto volume della serie Drum & Voice proprio con la Nicolosi Production.

“Come etichetta discografica – racconta Pino Nicolosi, il patron – ci sembra interessante far sapere che anche in Italia, e non solo all’estero, esiste un team di produzioni musicali che produce artisti internazionali, che in questo caso hanno fatto la storia della musica e che, attraverso la nostra etichetta, vengono distribuiti in tutto il mondo. Non si tratta semplicemente di una ‘licenza discografica’ dove si acquisisce un prodotto musicale già realizzato da terzi e lo si distribuisce. Qui mettiamo a disposizione anche le nostre abilità di musicisti. Dal 1997 a oggi, l’elenco di artisti internazionali è lungo: tra questi Billy Preston, Al Jarreau, Sting, Chaka Kahn e molti altri”.

Ritmo e virtuosismi, swing, groove, amore per l’improvvisazione: sono questi alcuni degli aggettivi per descrivere un grande come Billy Cobham, ultimo artista prodotto dalla Nicolosi Production. “E’ sempre una grande emozione  lavorare con Billy Cobham. Ci conosciamo dal 2001, anno in cui abbiamo prodotto il primo suo album per la nostra etichetta , Drum n Voice vol 1. L’incontro e poi la collaborazione avvenuta in quell’anno è rimasta nel nostro cuore. Lui, Eumir Deodato, Herbie Hancock, Al Jarreau, Stevie Wonder e molti altri musicisti, sono stati i nostri idoli e punti di riferimento musicale. Siamo cresciuti musicalmente ascoltando la loro musica”.

Classe 1944, batterista, percussionista e compositore innovativo e di talento Billy Cobham ha suonato con i grandi nomi della musica, da Horace Silver a Miles Davis ed è stato il fondatore, assieme a John McLaughlin, della Mahavishnu Orchestra. E in questo nuovo album, di cui segnaliamo i brani Interactive, la fusion di Psychologic The Vibe Inside per avere un’idea di come spazi fra i generi, Billy Cobham ha coinvolto artisti internazionali come Eumir Deodato, Stanley Jordan, Brian Auger, Frank Gambale, Gregg Kofi Brown e gli italiani Novecento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

I Mission a Milano, il tour celebrativo di una band che non ama celebrarsi

prev
Articolo Successivo

Thegiornalisti, perché ‘Competamente Sold Out’ è un disco da ascoltare con attenzione

next