Don De Lillo, Haruki Murakami, Adonis, Philiph Roth o il kenyota Ngugi Wa Thiong’o? Mancano poche ore alla proclamazione del Premio Nobel per la Letteratura 2016, cioè a “colui”, più che “colei”, che succederà alla russa Svetlana Alexievich, vincitrice del Nobel nella medesima categoria nel 2015. E’ la 108esima volta che l’Accademia di Stoccolma premia l’autore che più si è distinto nell’ambito della letteratura mondiale. Centododici i premiati in totale, 99 uomini e 13 donne, due i premi rifiutati: da Jean Paul Sartre di sua volontà nel 1964 e Boris Pasternak su pressione del governo sovietico nel 1958. Quindici i Nobel finiti in Francia, 10 in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, mentre l’Italia è ferma a 6 con la Spagna, e registra come ultimo vincitore Dario Fo nel 1997.  Ecco i papabili nomi per la vittoria 2016 secondo il sito di scommesse Ladbrokes.

Nobel per la Letteratura 2016, i ritratti dei candidati: da DeLillo a Murakami

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria, in una mostra le vere immagini dell’Olocausto voluto da Assad

prev
Articolo Successivo

Dario Fo, addio al meraviglioso giullare che reinventò la parola teatrale per sbeffeggiare i potenti

next