Quanti sono i laureati italiani che, dopo 4 anni dal conseguimento del loro titolo di studio, lavorano? E quali sono i percorsi di formazione che garantiscono maggiori chance occupazionali? E la situazione dei nostri diplomati che cercano di costruirsi una carriera nel mondo del lavoro? A queste e ad altre domande prova a rispondere l’Istat nel suo report I percorsi di studio e lavoro dei diplomati e dei laureati, appena pubblicato, che analizza l’attuale situazione di chi ha conseguito il titolo superiore o universitario nel 2011.

Quanti sono i laureati che lavorano? – Resta stabile la quota di laureati italiani che, a distanza di 4 anni, lavora. Tra chi ha ottenuto una laurea di I primo livello nel 2011 – quella comunemente definita “triennale” – la quota attuale di occupati è del 72,8%. Il tasso sale all’80,3%, invece, per i laureati di II livello a ciclo unico e all’84,5% per gli specialistici biennali di II livello (i cosiddetti “3+2”). Valori sostanzialmente in linea con quelli raccolti nel 2011 dall’istituto di statistica, e che prendevano in esame i laureati nel 2011. Si riduce il gap di genere: il divario è maggiore nel caso dei laureati di II livello, più contenuto per chi ha scelto il percorso triennale.

I titoli di studio più vantaggiosi – Le lauree che, stando ai dati Istat, garantiscono maggiori chance occupazionali sono quelle di II livello nei gruppi Difesa e sicurezza (99,4%), Medicina (96,5%) e Ingegneria (93,9%). Al polo opposto, i titoli letterari (lavora il 61,7% degli umanisti con laurea triennale e il 73,4% di quelli di quelli con la specialistica), e geo-biologici (58,6% dei laureati di primo livello e 76,5% di secondo livello). L’Istat definisce “critica” anche “la situazione dei laureati di primo livello nel gruppo psicologico (54,4% di occupati) e dei laureati di secondo livello nel gruppo giuridico (67,6%)”.

Quali contratti di lavoro, per i laureati? – A quattro anni dalla laurea, chi ha preso il titolo di base è in più della metà dei casi ancora precario. “Oltre uno su due (52,8%) lavora a tempo determinato oppure con contratti di collaborazione coordinata e continuativa o di prestazione d’opera occasionale o con borse di studio/lavoro”: così si legge nel report dell’Istat. Le condizioni migliorano per chi ha un titolo più elevato: “il lavoro non stabile coinvolge il 41,9% dei laureati di secondo livello”. Anche in questo caso, i laureati di II livello che provengono dai gruppi Difesa e sicurezza, Medicina e Ingegneria sono i più avvantaggiati: percepiscono anche retribuzioni medie più elevate (superiori a 1.600 euro al mese).

I diplomati che restano coi genitori – Il report dell’Istat, come detto, analizza anche la situazione dei diplomati. A quattro anni dalla fine degli studi superiori, oltre otto italiani su dieci (81,6%) abita ancora con i genitori o con fratelli e sorelle. Solo il 9,8% vive da solo o con persone non legate da parentela e poco meno del 9% ha formato un proprio nucleo familiare. Gran parte dei giovani che restano con la famiglia d’origine attribuisce questa scelta alla mancanza di un lavoro stabile o di risorse economiche sufficienti (41,1% tra le donne e 44,9% tra gli uomini) ma anche al fatto di essere ancora studente (41,7% donne, 32,8% uomini).

Peggiora il tasso di occupati tra i diplomati – La stima dei diplomati che hanno conseguito il titolo nel 2011 e che nel 2015 lavorano è pari al 43,5%: un calo del 2,2% rispetto al dato raccolto nel 2011 e riferito a chi aveva conseguito la maturità nel 2007. Il 21,8% dei diplomati, poi, è in cerca di occupazione (16,2% nel 2011). Il peggioramento degli esiti occupazionali riguarda soprattutto gli uomini, che nel 2015 sono occupati nel 46,8% dei casi (51,2% nel 2011); rimane stabile al 40,4% la quota di diplomate lavoratrici. Nelle regioni meridionali l’inserimento nel mondo del lavoro continua a essere più difficoltoso: i residenti nel Mezzogiorno diplomati nel 2011 che l’anno scorso risultavano con un contratto in tasca sono il 37%, nel Centro superano il 42% mentre al Nord si aggirano intorno al 50%. Nel 2015 il 48,3% dei diplomati è impegnato nel percorso universitario (50% nel 2011), solo sette su 100 hanno già conseguito una laurea, tipicamente di primo livello, e scelgono di non proseguire gli studi. Ad aver più chance di trovare un lavoro, rispetto ai coetanei diplomati, sono i ragazzi che conseguono la maturità negli istituti tecnici o professionali.

I contratti di lavoro ottenuti dai diplomati – Fra i diplomati che lavorano nel 2015, uno su quattro (25,3%) è dipendente a tempo indeterminato, l’11,5% è lavoratore autonomo, il restante 63,2% ha un’occupazione “non stabile”; nel dettaglio, il 33,8% ha un contratto a tempo determinato, l’8,7% è alle dipendenze senza contratto, il 13,8% ha un contratto a progetto, di prestazione d’opera, voucher o una borsa di studio/lavoro e il 6,9% svolge attività formativa retribuita. I percorsi di laurea più scelti dai diplomati, infine, sono quello economico-statistico (14,5% degli immatricolati complessivi), quello medico (13,8%) e quello ingegneristico (13,1%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni, governo e sindacati più vicini a un accordo sulle modifiche dall’Ape alla quattordicesima

next
Articolo Successivo

Disoccupati over 50 e internet, Ipsos: “Opportunità rischia di non essere colta per scarsa formazione”

next