Solo nel nostro Paese sono migliaia gli autobus ed i pullman altamente inquinanti in circolazione. E se fosse il trasporto pubblico a dare il buon esempio in tema di green mobility? Proterra (già il nome è tutto un programma) è un costruttore statunitense di bus elettrici ed ha appena svelato il suo nuovo Catalyst E2: le sue caratteristiche tecniche principali sono la batteria da 660 kWh ed un’autonomia fino a 563 km in condizioni di utilizzo reale (anche se durante i test l’E2 ha coperto 966 km prima di spegnersi); tanti da sedare l’ansia da “pile scariche” e permettergli di operare tanto su percorsi urbani che su quelli extraurbani.

“La domanda non è più su chi saranno i primi ad utilizzare questa tecnologia, piuttosto su chi sarà l’ultimo a impegnarsi per un futuro di mobilità pulita, efficiente e sostenibile – si domanda Ryan Popple, ad di Proterra – con il Catalyst E2 offriamo un’alternativa senza compromessi a tutti i vecchi bus che utilizzano combustibili fossili perché ormai i veicoli elettrici a batteria hanno abbattuto l’ultima barriera (quella dell’autonomia limitata, ndr) che li separava dall’adozione di massa sul mercato”.

In poche parole quello che vedete raffigurato nelle foto è la prima ed attualmente più concreta alternativa verde ai bus con motore diesel. Fino ad oggi Proterra ha venduto 312 bus elettrici (con autonomia inferiore all’E2) in 35 stati degli USA: complessivamente questi mezzi hanno percorso 4 milioni di km ed hanno permesso di risparmiare ben 2 milioni di litri di gasolio, equivalenti a 4500 tonnellate di CO2. Tornando al Proterra E2, i feticisti dei numeri apprezzeranno sapere che è lungo 13 metri ed ha 40 posti a bordo; per la sua costruzione sono peraltro impiegati materiali avanzati come la fibra di carbonio, che permette di contenere il peso a vuoto del veicolo in 18.000 kg.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto elettriche, la seconda vita delle batterie comincia dalla Germania

next
Articolo Successivo

Car sharing, parte da Forlì il primo servizio italiano con auto ibride

next