La politica di Bettino Craxi, le scelte di Marilyn Monroe, il feldmaresciallo Josef Radetzky e le posizioni di Oriana Fallaci. Quattro personaggi della storia passata e recente salgono sul banco degli imputati. Difesi, accusati e discussi da avvocati e magistrati che metteranno in scena, al Teatro Carcano di Milano, un ciclo di processi dove il giudice ultimo sarà il pubblico. “Quello a Craxi non sarà un processo alla persona ma alla sua politica, precisa Elisa Greco, curatrice del format ‘La Storia a Processo‘, presentato a Milano con una conferenza ospitata a Palazzo di Giustizia. “Alcuni personaggi storici possono apparire ingombranti o troppo vicini – racconta Ciro Cascone, Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati Milano – Ma la storia la possiamo fare quotidianamente, valutando gli eventi e cercando di capire”. In fondo, chiude l’avvocato penalista Umberto Ambrosoli, “qual è la differenza tra l’accusa sostanziale che può essere mossa oggi a Radetzky e quella che può essere fatta contro chi è responsabile della repressione in Siria?”. Giudicare il passato per interpretare il presente, dunque. Il primo appuntamento, ‘La politica di Bettino Craxi: colpevole o innocente’ è per lunedì 24 ottobre alle 20.30, Teatro Carcano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crozza: “M5S? A Roma cercano assessore al Bilancio. Sono passati da ‘Onestà onestà’ a ”Ndo sta? ‘Ndo sta?’

prev
Articolo Successivo

Skate, surf e rock ‘n’ roll: il festival El Mando porta sulla spiaggia di Viareggio due giorni di divertimento e solidarietà

next