Desiderio, potere, soldi, sesso: le leve individualistiche del mondo. Nella realtà come nella finzione. In un certo senso se le sono involontariamente spartite Kim Rossi Stuart e Michele Santoro nei loro film portati alla 73esima Mostra del Cinema di Venezia. L’attore/regista ha presentato come evento fuori concorso il suo Tommaso, storia di un attore incordato da fardelli familiari e travolto da piccanti desideri verso le donne. Santoro firma invece la regia del doc Robinù, un’esplorazione inedita e sconcertante della Napoli attraversata dai baby-boss.

Di potere in Robinù ce n’è poco e sotterraneo perché si parla di schiavi giovanissimi portati al grilletto da “o’ sistema”. Anche se spesso, si dirà, è colpa anche di famiglie tragicamente distratte. Santoro esordisce dietro la macchina da presa scegliendo un tema duro, “la paranza dei bambini”, o meglio quelle sacche di criminalità organizzata under 18. Scugnizzi 2.0 dediti a spaccio, rapine e vendette a colpi di kalashnikov rivelano alla telecamera le loro storie, confessano alcuni crimini, il perché, i loro desideri. Ambizioni deformate da una gabbia targata Napoli. Il sottobosco criminale mirabilmente esplorato ha il suo fulcro in una coppia di fratelli, uno ventenne in galera. Sguardo gelido e sorrisino compiaciuto, quando ricorda le sue peripezie dalla cella scatena sentimenti contrastanti. L’altro, il maggiore, pizzaiolo fuggito dalla criminalità verso Parigi.

La lucidità giornalistica è messa a servizio della penetrazione in quegli ambienti che sembrano uno spin-off di Gomorra e invece sono realtà. La camera s’intrufola fin dietro le sbarre, sul letto di un trans che soddisfa camorristi. Si sporge tra i curiosi all’ennesimo omicidio rilevato dalla polizia. Si posa sul viso di una madre disperata o sul racconto di ragazze madri spacciatrici per costrizioni economiche. “Gesù perdona, allora pure io perdono perché sono i figli miei”. Si sente a un certo punto da una di loro. Non mancano il neomelodico di turno e le velleità adolescenziali intorbidite da un’insanguinata corsa al denaro e alla sopravvivenza. L’inchiesta diventa narrazione del reale, intrattenimento di qualità, informazione necessaria su grande schermo: squarcio per la coscienza dello spettatore. Santoro si svela come ottimo regista di cinema della realtà, è questa la notizia che arriva da Venezia. E in autunno il suo lavoro sarà in sala.

Ma se da una parte si percepisce la chiara denuncia dell’assenza di riabilitazione e reinserimento, dall’altra siamo in piena generazione-selfie, e chissà se un film così crudo non venga decodificato solo come sacrosanta informazione socio-antropologica su un aspetto del presente, o se non lusingherà questa criminalità in erba, incitando involontariamente i protagonisti a protrarre condotte criminose o alcuni coetanei all’emulazione.

Il film di costume firmato Rossi Stuart ha toni e intenti del tutto diversi. Parla di crisi d’immaturità utilizzando sesso e desiderio. Tommaso lascia la sua compagna per avere altre storie, magari di sesso. Non si tratta del playboy ambito come preda o modello vincente, bensì di un bell’ometto quarantenne insoddisfatto nascosto dietro le storie carnali che insegue tra sogno e realtà. Ne L’uomo che amava le donne di Truffaut le donne erano “amate” con astuzia e fermezza, qui invece strumentalizzate ad un edonismo confuso e pasticcione. Il regista ha coraggio vincente perché infanga il sex-simbol facendo vagheggiare il suo personaggio tra le insicurezze di un uomo attuale. L’attore Tommaso riversa tutte le sue ambizioni tra psicanalisi, nido sicuro e lavatoio di colpe borghesi, e caccia. Salvo poi piangersi addosso o scontrarsi con una madre piena di segreti.

Al cinema dall’8 settembre, la commedia amara dell’attore/regista romano mostra un percorso accidentato e un’indeterminazione caotica verso il futuro dove non mancano elementi simbolici. Buona prova per un Rossi Stuart impacciato quanto basta nelle vesti anonime del suo character. La regia è molto lucida, forse fin troppo nell’offrire il sogno sullo schermo senza virare nulla visivamente rispetto al reale. Risultato sono le switchate tra realtà e immaginazione del protagonista totalmente trasparenti. Ma è una questione di gusti. Intense anche le prove d’attore, anzi d’attrici, per Jasmine Trinca, Cristiana Capotondi e soprattutto la felice Camilla Diana, che fa una camerierina tutto pepe piena di sorprese.

@FranceDiBrigida

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, Jean-Paul Belmondo Leone alla carriera. Piccioni vola alto, Konchalovsky elefante nella cristalleria dell’Olocausto

next
Articolo Successivo

Mostra del cinema di Venezia 2016, Malick e Larrain sono i candidati al Leone d’oro?

next