Ventinove dipendenti indagati per assenteismo dal posto di lavoro. È a loro che la Guardia di Finanza di Siracusa sta notificando l’avviso di conclusione delle indagini. L’inchiesta coordinata dalla procura di Francesco Paolo Giordano riguarda i dipendenti del libero consorzio comunale di Siracusa, e cioè l’ente che ha preso il posto delle province dopo un paio di riforme flop della Regione Siciliana.

L’operazione, battezzata Quo Vado, a tutela della spesa pubblica e del bilancio dello Stato, vede impegnate 24 pattuglie che stanno operando, dalle prime ore dell’alba, in tutta la provincia di aretusea. 

I 29 dipendenti, dislocati in 4 diverse sedi, sono accusati di truffa aggravata: durante l’orario di lavoro sono stati sorpresi a fare shopping per le vie del centro di Ortigia e in centri commerciali, a fare visite mediche in strutture sanitarie pubbliche e lavori di giardinaggio per privati. Alcuni lavoratori, poi, timbravano il badge di altri colleghi per attestarne la presenza in ufficio, l’inizio o la fine del turno di lavoro, consentendo loro di raggiungere in netto ritardo l’ufficio e di allontanarsene in largo anticipo o, addirittura, di assentarsene per l’intero turno. Le indagini sono cominciate nel gennaio 2015, e si sono basate su pedinamenti e 6.800 ore di videoregistrazioni.

Il procuratore di Siracusa Giordano ha sottolineato come prosegua da parte degli inquirenti “l’attività di controllo della legalità nella Pubblica amministrazione. I presunti dipendenti infedeli saranno deferiti oltreché all’amministrazione di appartenenza per i profili disciplinari, ivi compreso il possibile licenziamento, in base alla nuova normativa, anche alla Procura regionale presso la Corte dei conti. Il procedimento di indagini ha messo in rilievo anche l’assenza completa di controlli interni”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Precipita aereo privato in Macedonia, morti sei cittadini italiani

prev
Articolo Successivo

Audi gialla, catturato il presunto autista al confine tra l’Albania e la Grecia: è un uomo albanese di 36 anni

next