Dagli stadi di calcio di mezza Europa alla cella del carcere di Brescia. Eric Augusto Akassou, calciatore professionista di 23 anni, è stato arrestato stamattina dalla polizia italiana: era inseguito da un mandato di cattura internazionale emesso dalle autorità inglesi. L’accusa è quella di violenza sessuale: Akassou è accusato di aver abusato di una ragazzina di 14 anni durante un viaggio in Gran Bretagna. Le violenze si sarebbero protratte per tre giorni, dal 21 al 24 settembre 2012.

Nato a Gaeta da una famiglia di origini ivoriane, ma residente a Brescia, Akassou ha esordito nella primavera del Torino, prima di trasferirsi in Svizzera e in Francia, dove ha militato nel Granville, squadra della serie D transalpina (all’attivo, 4 partite disputate e un goal). Nelle scorse settimane il suo cartellino, formalmente di proprietà della Cremonese, era stato acquistato dal Casalromano , squadra del campionato di Promozione italiano. Akassou è detenuto nel carcere bresciano di Canton Mombello.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, il branco e il figlio del boss violentano 13enne. “Tutti sapevano, ma per due anni hanno taciuto”

prev
Articolo Successivo

Terremoto, Amatrice e Arquata viste dall’alto: macerie e tende

next