Dagli stadi di calcio di mezza Europa alla cella del carcere di Brescia. Eric Augusto Akassou, calciatore professionista di 23 anni, è stato arrestato stamattina dalla polizia italiana: era inseguito da un mandato di cattura internazionale emesso dalle autorità inglesi. L’accusa è quella di violenza sessuale: Akassou è accusato di aver abusato di una ragazzina di 14 anni durante un viaggio in Gran Bretagna. Le violenze si sarebbero protratte per tre giorni, dal 21 al 24 settembre 2012.

Nato a Gaeta da una famiglia di origini ivoriane, ma residente a Brescia, Akassou ha esordito nella primavera del Torino, prima di trasferirsi in Svizzera e in Francia, dove ha militato nel Granville, squadra della serie D transalpina (all’attivo, 4 partite disputate e un goal). Nelle scorse settimane il suo cartellino, formalmente di proprietà della Cremonese, era stato acquistato dal Casalromano , squadra del campionato di Promozione italiano. Akassou è detenuto nel carcere bresciano di Canton Mombello.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, il branco e il figlio del boss violentano 13enne. “Tutti sapevano, ma per due anni hanno taciuto”

next
Articolo Successivo

Terremoto, Amatrice e Arquata viste dall’alto: macerie e tende

next