Lo scorso 7 luglio era stato condannato a 18 mesi di reclusione per la fuga delle carte segrete della Santa Sede all’origine del caso Vatileaks. E ora la sentenza nei confronti di monsignor Lucio Vallejo Balda è diventata esecutiva perché dopo 45 giorni nessuno degli imputati ha proposto appello. Il religioso è stato quindi arrestato lo scorso 22 agosto ed è ora detenuto in Vaticano nella cella della Gendarmeria.

Al termine del processo durato 21 udienze nell’arco di sette mesi e mezzo, il Tribunale vaticano aveva condannato anche Francesca Immacolata Chaouqui, ma nel suo caso la pena è stata sospesa per cinque anni. Lei e Vallejo erano entrambi ex componenti della Commissione Cosea sulle finanze vaticane. Assolto con formula piena, invece, il loro ex collaboratore Nicola Maio. Prosciolti infine per “difetto di giurisdizione” del Tribunale d’Oltretevere i due giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, autori dei bestseller Via Crucis e Avarizia, che secondo le accuse avevano avuto i documenti riservati.

Vallejo, già segretario della Prefettura degli Affari economici della Santa Sede, arrestato il primo novembre dello scorso anno nell’ambito dell’inchiesta e negli ultimi tempi in stato di semilibertà, è stato allora nuovamente una settimana fa ai fini della pena residua ancora da scontare. Le motivazioni della sentenza saranno depositate prossimamente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giustizia, il ministero: “A Milano rischio paralisi”. Buco nell’organico degli amministrativi, carenze tra i pm

prev
Articolo Successivo

Terremoto, ad Amatrice ed Accumoli decine di edifici sotto inchiesta. “Crollati nonostante certificazioni di sicurezza”

next