“Scusa se siamo arrivati tardi, ma voglio che tu sappia da lassù che abbiamo fatto tutto il possibile per tirarti fuori di lì”. E’ la lettera di un vigile del fuoco aquilano che in queste ore sta lavorando nelle zone terremotate di Amatrice e dintorni. Andrea, questo il nome del vigile, ha scritto idealmente a Giulia, 9 anni, recuperata  sorella di Giorgia, che invece è stata recuperata in tempo. Anzi, secondo quanto ricostruito fin qui, è stata la sorella a salvarla, facendole scudo con il corpo durante i crolli.

lettera

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, con il numero solidale della Protezione civile già raccolti 6,1 milioni. Le iniziative delle aziende

next
Articolo Successivo

Ascoli Piceno, funerali di Stato per le vittime del terremoto: “Impariamo a dialogare con la natura”

next