Non dite che non ci credeva. “Se perdo il referendum costituzionale considererò fallita la mia esperienza in politica“, diceva e ripeteva – e confermava – Matteo Renzi fino a pochi giorni fa, prima di cambiare idea e dichiarare: “Al voto nel 2018, comunque vada il referendum“. E fino all’altro ieri, per ribadirlo tirava in ballo anche “quelli che quando finisce un’elezione vanno davanti alle telecamere e spiegano che gli elettori non ci hanno capito. Pezzo di ignorante, sei tu che non ti sei spiegato”. Insomma, convinto. Talmente convinto che se dovessero prevalere i No l’Italia si dovrà accontentare di un premier che non lascia pur considerandosi politicamente fallito

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, Costituzione Coast to Coast: una serata con Di Battista

next
Articolo Successivo

Renzi, il libro delle promesse (rimangiate): da Letta a Berlusconi, dalle larghe intese alla Rai

next