Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, non abbia immaginato (e desiderato) un’auto che andasse ad acqua. Ecologica e facile da rifocillare, con costi quasi risibili e la possibilità di reperire “carburante” quasi ovunque. Solo un sogno? Stando al prototipo presentato dalla Nissan in Brasile, a margine dei Giochi Olimpici di cui è uno degli sponsor, assolutamente no.

La vettura in questione (o meglio, il veicolo commerciale) si chiama e-Bio Fuel-Cell, ed è spinta da energia elettrica ricavata tramite un generatore alimentato da bio-etanolo. O meglio, da un cocktail di acqua e alcol che tramite reazioni chimiche con l’idrogeno e l’ossigeno dell’atmosfera produce appunto l’elettricità di cui il sistema di trazione ha bisogno.

Secondo quanto affermano i tecnici della Nissan, il processo è assolutamente eco-sostenibile. “A differenza di una normale Fuel-Cell, che non abbatte totalmente l’anidride carbonica, in quella con bio-etanolo le emissioni nocive sono eliminate dal processo di coltivazione della canna da zucchero, necessaria per ottenere il bio-carburante”. E, notoriamente, di canna da zucchero in Brasile ce n’è in abbondanza, al punto da aver favorito un ampio mercato di auto cosiddette “flexi-fuel”.

Il prototipo Nissan utilizza indistintamente sia la mescola acqua-etanolo sia quest’ultimo solamente, e potendo contare su una Fuel Cell ad Ossido Solido teoricamente può garantire (ma questo saranno i test su strada che si stanno effettuando in Brasile a confermarlo) un’autonomia simile alle vetture con motore termico: 600 chilometri, pur essendo a tutti gli effetti un’auto a batteria.

La casa giapponese, per bocca del suo numero uno Carlos Ghosn, sostiene che “il prototipo è già operativo e potrà arrivare in commercio nel 2020“. Al netto delle perplessità riguardanti, tra l’altro, il maggiore sfruttamento delle coltivazioni per ottenere il bioetanolo necessario, potrebbe essere una rivoluzione. Che immaginiamo non verrebbe presa molto bene dai signori del petrolio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto elettriche, quelle di domani avranno batterie con autonomia 6 volte maggiore

next
Articolo Successivo

Mobilità sostenibile, la Norvegia fa dietrofront. “Non vieteremo le auto con motori termici”

next