Un vasto incendio nella contea di San Bernardino, nel sud della California, ha costretto 82mila persone a evacuare la zona. Lo hanno riferito le autorità locali, spiegando che le fiamme si stanno diffondendo a macchia d’olio: il rogo si era inizialmente esteso su cinque acri, per poi espandersi per circa 9mila acri nelle ore successive. Le cause della veloce espansione sono da attribuire alle alte temperature e ai continui venti secchi che colpiscono la zona. I media locali hanno riferito che anche 34.500 strutture sono a rischio nella contea, dove il governatore della California Jerry Brown ha dichiarato lo stato di emergenza.

In California gli incendi continuano ormai da settimane: tre settimane fa, un grosso incendio nei pressi del Big Sur, aveva devastato oltre 270 chilometri quadrati del Los Padres National Forest. Durante l’incendio era anche morto un uomo mentre cercava di domare il fuoco con un escavatore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corea del Nord, diplomatico scompare. Ricompare da rifugiato in quella del Sud

next
Articolo Successivo

Siria, Ban Ki-moon: “Ad Aleppo si rischia catastrofe umanitaria senza precedenti”

next