Il gruppo farmaceutico Recordati ha annunciato la scomparsa del presidente e amministratore delegato Giovanni Recordati a seguito di una “lunga malattia”. Il vicepresidente Alberto Recordati spiega in una nota che “l’ulteriore crescita del gruppo, in linea con la strategia di sviluppo tracciata dal nostro Presidente e seguita durante tutti questi anni – aggiunge – continuerà ad essere perseguita da noi con convinzione e sarà la nostra priorità”. Il consiglio di amministrazione che si è riunito nel pomeriggio ha nominato Alberto Recordati presidente e Andrea Recordati, attuale chief operating officer, vicepresidente e amministratore delegato. A quest’ultimo sono stati delegati tutti i poteri per la gestione ordinaria e straordinaria della società.

Recordati, 66 anni, era nato a Bologna il 10 dicembre del 1949 ed era figlio di Arrigo Recordati sotto la cui gestione il gruppo, fondato nel 1926 a Correggio (Reggio Emilia), aveva trasferito la sue attività principali a Milano dando il via al percorso di internazionalizzazione. Sposato, senza figli, Giovanni Recordati abitava a Milano. Dopo la laurea in Ingegneria chimica al Politecnico di Milano e un master in Management Sciences all’Imperial College di Londra, è entrato nell’azienda di famiglia nel 1974, a 25 anni, come ricercatore.

Nel 1980 ha assunto l’incarico di direttore centrale di produzione e nel 1984 di vice direttore generale per il Coordinamento operativo e della Ricerca. Nel 1990 è stato nominato amministratore delegato, con l’incarico di dirigere le attività operative sia delle società italiane che di quelle estere del gruppo. Membro del consiglio di amministrazione dal 1977, è stato presidente dal 1999.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Innovazione, Italia solo 29esima nella classifica delle economie più avanzate. Ed è 38esima per qualità istituzionale

next
Articolo Successivo

Brexit, a luglio l’inflazione del Regno Unito accelera a causa dell’aumento dei costi delle materie prime importate

next