Non c’è niente di più emozionante per un atleta che vince una medaglia olimpica portare a fare il giro d’onore la bandiera. Ai Giochi di Rio nella notte che ha visto il fioretto italiano perdere il dominio, ma conquistare comunque una medaglia Elisa Di Francisca, oro a Londra e argento in Brasile, prima di salire sul podio ha mostrato una bandiera dell’Europa.

“L’ho fatto per Parigi e Bruxelles. È per dare il messaggio che l’Europa esiste ed è unita contro il terrorismo. Perché solo essendo uniti possiamo superare tante barriere e non fare quello che vogliono loro, cioè chiuderci in casa – ha spiegato l’azzurra che fa parte delle Fiamme Oro della Polizia – Noi non siamo come loro, dobbiamo amare e non avere paura. Non dobbiamo fare il loro gioco”.

“Un bel gesto”, che sottolinea il “ruolo positivo” dello sport per migliorare la comprensione tra culture e valori e per incoraggiare il dialogo ed il rispetto reciproco dice all’Adnkronos Nathalie Vandystadt, portavoce dell’esecutivo di Bruxelles responsabile per lo Sport, ricordando “il ruolo positivo dello sport per creare network personali, mettendoci in grado di imparare e capire meglio le culture ed i valori degli altri”. La portavoce annuncia quindi che l’Ue “celebrerà presto lo sport, il suo valore per la nostra salute ed il benessere, ma anche il suo valore per incoraggiare il rispetto reciproco ed il dialogo, a settembre, in occasione della seconda edizione della Settimana europea dello sport”.

Il gesto non è piaciuto a tutti. “Lei è bravissima ma l’Ue rappresenta il peggio delle istituzioni e con la bandiera Ue c’è poco da gioire” dice il leader della Lega Matteo Salvini a Rtl.102.5. Il leader del Carroccio commenta anche la squalifica di Alex Schwazer: “L’hanno voluto fregare. Così come fregarono Marco Pantani perché era scomodo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rio 2016, è il giorno del canottaggio. Gli azzurri in gara oggi. Nel tennis Fognini vs Murray. La prima volta del golf ai Giochi

next
Articolo Successivo

Rio 2016, Clemente Russo all’ex pugile (e commentatore) Oliva: “E’ uno stupido”. Replica: “Lui è un perdente nella vita”

next