Pokemon Go crea dipendenza a un sistema totalitaristico che è pari a quello nazista“, a dirlo è il vescovo di Noto (Siracusa), Antonio Staglianò. “Ecco perché combatto quest’app che sta alienando migliaia e migliaia di giovani” ha aggiunto il vescovo, il quale ha iniziato una battaglia contro il gioco virtuale. La cattedrale di Noto è indicata come una dei Pokéstop disseminati in giro per il mondo, portando in questo modo molti giocatori a ritrovarsi davanti ad essa per rifornirsi degli oggetti di gioco; un fatto che ha accresciuto la rabbia del vescovo.
Lo stesso Staglianò pochi giorni fa si era già espresso contro Pokémon Go, definendolo “diabolico” e aggiungendo “stavo riflettendo sul rapporto tra il gioco e questa assenza di pensiero che stanno organizzando per costruire dei cadaveri ambulanti”.

Il vescovo di Noto era già diventato famoso grazie ai video che lo ritraevano intento a cantare le canzoni di alcuni noti artisti durante le sue cerimonie, tra i quali Bennato e Mengoni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, incendio in un negozio: muore per salvare la moglie. Forse un corto circuito

prev
Articolo Successivo

Milano, colpisce quattro persone per strada con un pugno: arrestato 26enne

next