Due diverse sparatorie, nel centro di Austin, in Texas, intorno alle 2.30 di notte, all’esterno di un locale notturno molto frequentato e in piena zona movida. È quanto comunicato dai media online americani e confermato dalla locale polizia che ha parlato di un uomo armato che ha colpito diverse persone.

Una donna di trent’anni è stata uccisa e altre quattro persone sono rimaste ferite: tra loro due sono donne. Tre sono stati ricoverati in ospedale mentre il quarto ferito non ha voluto essere medicato. Il Dipartimento di polizia ha comunicato via Twitter che la zona della sparatoria è stata messa in sicurezza, ma ha comunque lanciato un allarme ai cittadini esortandoli a stare lontani dal centro città.

Un testimone, Dorian Santiago, ha raccontato che le sparatorie sono avvenute mentre diversi clienti stavano uscendo da alcuni bar. “Abbiamo udito cinque colpi e poi le persone hanno iniziato a correre all’impazzata”. Non è ancora chiara la dinamica delle sparatorie, né se vi sia più di un aggressore coinvolto.  In un primo momento il servizio di emergenza medico-sanitario di Austin, il Austin-Travis County Emergency Medical Services, aveva comunicato che c’erano diversi morti. La polizia ha chiesto a tutte le persone che hanno registrato dei video della sparatoria di inviarle alla mail del dipartimento. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, Aleppo come Sarajevo: dopo quattro anni di assedio 40mila morti e 300mila civili in trappola

prev
Articolo Successivo

Ue, lo scandalo degli ‘aiuti militari’ al Sudan in chiave anti-migrazione

next