Due diverse sparatorie, nel centro di Austin, in Texas, intorno alle 2.30 di notte, all’esterno di un locale notturno molto frequentato e in piena zona movida. È quanto comunicato dai media online americani e confermato dalla locale polizia che ha parlato di un uomo armato che ha colpito diverse persone.

Una donna di trent’anni è stata uccisa e altre quattro persone sono rimaste ferite: tra loro due sono donne. Tre sono stati ricoverati in ospedale mentre il quarto ferito non ha voluto essere medicato. Il Dipartimento di polizia ha comunicato via Twitter che la zona della sparatoria è stata messa in sicurezza, ma ha comunque lanciato un allarme ai cittadini esortandoli a stare lontani dal centro città.

Un testimone, Dorian Santiago, ha raccontato che le sparatorie sono avvenute mentre diversi clienti stavano uscendo da alcuni bar. “Abbiamo udito cinque colpi e poi le persone hanno iniziato a correre all’impazzata”. Non è ancora chiara la dinamica delle sparatorie, né se vi sia più di un aggressore coinvolto.  In un primo momento il servizio di emergenza medico-sanitario di Austin, il Austin-Travis County Emergency Medical Services, aveva comunicato che c’erano diversi morti. La polizia ha chiesto a tutte le persone che hanno registrato dei video della sparatoria di inviarle alla mail del dipartimento. 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, Aleppo come Sarajevo: dopo quattro anni di assedio 40mila morti e 300mila civili in trappola

next
Articolo Successivo

Ue, lo scandalo degli ‘aiuti militari’ al Sudan in chiave anti-migrazione

next