Allarme bomba a causa di un’auto sospetta, chiusura di una stazione metro e tanta paura. Durata un’ora, giusto il tempo servito alla polizia per capire che quell’auto abbandonata nel cuore del quartiere ebraico tutto era tranne che un pericolo per l’incolumità pubblica. Prima di arrivare a questa certezza, tuttavia, nella capitale inglese si sono vissuti momenti di panico. Specie quando la stazione della metropolitana di Londra Golders Green (nord) è stata evacuata a causa di un sospetto veicolo abbandonato: lo ha reso noto la polizia della capitale, che ha cercato di rintracciare il proprietario del mezzo. Pendolari e pedoni hanno riempito le strade della zona, cuore della comunità ebraica a Londra. Secondo alcune testimonianze la polizia ha consigliato alle persone di stare dentro e allontanarsi dalle finestre. Un portavoce della polizia ha sottolineato che sono stati allertati per la macchina abbandonata verso le 7 di questa mattina: per precauzione hanno verificato se ci sono cose sospette nel veicolo. A distanza di poco tempo, è stata evacuata anche la stazione della metropolitana di Londra North Wembley (nordest) a causa di un allarme incendio: la notizia è stata data dal tabloid Evening Standard in un tweet. Secondo alcune segnalazioni, ci sarebbe del fumo proveniente da uno dei convogli. Dopo circa un’ora il ritorno alla normalità: cessato l’allarme presso la stazione di Golders Green (nord) della metropolitana londinese, con la polizia a render noto che l’auto abbandonata trovata vicino alla fermata é stata dichiarata sicura e che l’area verrà riaperta al traffico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, bomba ad Ansbach: attentatore è siriano richiedente asilo. Aveva giurato fedeltà ad al-Baghdadi, Isis rivendica (FOTO – VIDEO)

next
Articolo Successivo

Attentato Ansbach, un testimone: “Ero lì a bere, poi l’esplosione e i mattoni che cadevano”

next