Una piccola squadra albanese al terzo turno dei preliminari di Champions League, dopo aver battuto ai rigori i favoriti ungheresi del Ferencvaros, a due passi dall’Europa dei grandi dove mai nessun club del Paese è riuscito a qualificarsi. Un altro miracolo di pallone, dopo la favola dell’Albania di Gianni De Biasi a Euro 2016? Fino a un certo punto. Perché il Partizani, gli spareggi per la Champions, neanche avrebbe dovuto giocarli. Quel posto spettava allo Skenderbeu, campione d’Albania, che però è stato squalificato per un anno da tutte le competizioni internazionali per aver condizionato l’esito di alcune partite nel corso dell’ultima stagione. È l’altra faccia – meno pulita, per nulla edificante – del calcio albanese.

Non si tratta di un caso isolato, infatti. “Il problema dei club albanesi è endemico e nasce da lontano”, spiega a ilfattoquotidiano.it Francesco Baranca, segretario di Federbet, che ben prima dell’intervento della Uefa aveva segnalato a più riprese i flussi anomali di scommesse sulle partite della squadra di Coriza. “Vi posso citare una data: 14 agosto 2003, primo turno preliminare di Europa League, Dinamo Tirana-Lokeren 0-4 e Vilaznia-Dundee 0-2 sono truccate praticamente in contemporanea. È l’origine del match-fixing moderno, per come lo conosciamo”. “La questione ovviamente è molto più estesa di così, riguarda tutti i Paesi dell’est Europa”, prosegue Baranca. Puntare il dito contro il singolo campionato o la singola squadra sarebbe un errore. Eppure in Albania la situazione è più grave che altrove: “Nessuno si azzarda più a quotare la Super League locale: i match interni sono inattendibili, e quando vanno all’estero, in partite ufficiali o in amichevoli, ne combinano di tutti i colori”. Un po’ quello che è successo l’anno scorso con lo Skenderbeu: “Abbiamo riscontrato quattro match manipolati: contro Crusaders e Dinamo Zagabria nei preliminari di Champions, poi anche con Sporting Lisbona e Lokomotiv Mosca nel girone di Europa League. Senza dimenticare la partita interna fra Laci e Flamurtari”. Alla fine se n’è accorta anche l’Uefa.

Lo scorso 1° giugno la massima associazione calcistica continentale ha squalificato i campioni d’Albania per un anno, decisione appena confermata dal Tas di Losanna. Il risultato è la solita figuraccia e perdita di credibilità per il calcio europeo: la Uefa ha dovuto riscrivere i calendari già compilati, promuovendo ai preliminari di Champions la seconda classificata, il Partizani, che intanto aveva già giocato il primo turno di Europa League contro lo Slovan Bratislava (partita annullata e slovacchi qualificati al secondo turno). “Ma la cosa grave è che la Uefa non ha fatto nulla per un decennio, e si illude di aver risolto la questione con questa piccola squalifica. Il problema non è lo Skenderbeu ma i club albanesi e ciò che c’è dietro”. Infatti le segnalazioni di partite sospette continuano: “Mentre lo Skenderbeu veniva bannato dalla Champions, la settimana scorsa il Teuta truccava la sua partita in Europa League in Kazakhstan contro l’Almaty”. Nessun dubbio? “Assolutamente: quote polverizzate sull’over 3,5 in live, risultato finale di 5-0 contro tre gol nell’ultima mezz’ora”. Ci ha pensato la nazionale a riabilitare l’immagine del calcio albanese a Euro 2016. E adesso il Partizani proverà a scrivere una nuova pagina di storia. Ma anche la favola dell’Albania ha le sue ombre.

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calciomercato Juventus, Marko Pjaca è a Torino: visite mediche e poi la firma

next
Articolo Successivo

Juventus Club Parma silura con una lettera un bambino di 10 anni. I genitori protestano con la Figc

next