Lo hanno aggredito e pestato, costringendolo a farsi curare in ospedale. La sua colpa: aver cantato Bella Ciao. L’aggressione, secondo le prime indagini dei carabinieri, sarebbe stata condotta da un gruppo di appartenenti a Casa Pound. A raccontare tutto alle forze dell’ordine è stata la vittima del pestaggio, Davide Gallo, 19 anni, che ha dalla sua anche alcune immagini, oltre al racconto degli amici che erano con lui. L’episodio è avvenuto in via della Mendola, in una zona residenziale del capoluogo altoatesino.

Video da Facebook

Secondo quanto scrive oggi il quotidiano locale Alto Adige, i carabinieri dopo aver analizzato il video che riprende quanto è accaduto, hanno riconosciuto un consigliere di circoscrizione di Casapound, Davide Brancaglion, e l’attivista Mirko Gasperi, consigliere di circoscrizione nella scorsa legislatura che poi non si è ricandidato.

L’informativa dei carabinieri che finirà in Procura viene descritta dall’Alto Adige, il quotidiano locale che ha seguito tutta la vicenda, come “molto dettagliata e approfondita”, anche perché i carabinieri hanno ascoltato decine di persone, oltre alle due “fazioni” coinvolte. Il referto dell’ospedale parla di 20 giorni di prognosi.

Di fronte alle domande degli investigatori, sono arrivate le prime ammissioni da parte degli autori della violenza: “Si, l’abbiamo picchiato noi”. L’indagine della Procura di Bolzano. Alle elezioni amministrative, il candidato di Casa Pound, Maurizio Puglisi Ghizzi, aveva preso il 6,21 per cento e in consiglio comunale il partito ha conquistato 3 seggi. Per ora, però, il movimento fascista non ha commentato l’episodio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, in metro senza biglietto. Controllore Atm insulta ragazzo di colore: “Sei una merda”

prev
Articolo Successivo

Salerno, 17enne legato e violentato in un centro massaggi da uomini mascherati: arrestati due 50enni

next