“C’è una strada che non mi convince mai: visto che l’illegalità dà fastidio e può creare problemi, allora abbassiamo l’asticella. Basta pensare ai comportamenti illegittimi che sono stati resi legittimi, in questo modo si giustifica inciviltà e competizione illegale tra le imprese. E noi, invece, pensiamo che abbiamo bisogno di imprese di qualità”. Così Susanna Camusso, segretario generale Cgil, parla di voucher lavoro, caporalato e cancellazione del reato di somministrazione fraudolenta, intervenendo a Roma alla ‘Accademy 2016’ di Confagricoltura. Sul tema dei voucher, il presidente Inps Tito Boeri dice: “Sono stato fra i primi a denunciarne l’uso patologico. Se il proposito dei voucher era quello di far emergere il lavoro nero in agricoltura, io mi sarei aspettato che si sviluppassero lì. Invece – continua Boeri – il problema è che l’uso dei voucher in Italia viene abusato in settori dove non c’era lavoro nero ed è diventato un modo per i datori di lavoro per risparmiare sul costo del lavoro, che provoca dei problemi di lungo periodo nei lavoratori che ne usufruiscono che non hanno tutela e non avranno coperture previdenziali adeguate in futuro”. “E’ un istituto nato male e incorreggibile. Il lavoro occasionale esiste, ma – conclude la Camusso – non è possibile che ci siano milioni di lavoratori impiegati in quel modo. Sfiderei chiunque a dire che ci sia possibilità di farsi una previdenza con 0,75 centesimi di euro di contributo Inail e di contributo previdenziale per ogni voucher utilizzato. Ci vorrebbero 150 anni di lavoro per accedere a una pensione minima

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontro treni Puglia: alle Ferrovie non mancano risorse, manca efficienza

prev
Articolo Successivo

Il bail-in è incostituzionale?

next