“C’è una strada che non mi convince mai: visto che l’illegalità dà fastidio e può creare problemi, allora abbassiamo l’asticella. Basta pensare ai comportamenti illegittimi che sono stati resi legittimi, in questo modo si giustifica inciviltà e competizione illegale tra le imprese. E noi, invece, pensiamo che abbiamo bisogno di imprese di qualità”. Così Susanna Camusso, segretario generale Cgil, parla di voucher lavoro, caporalato e cancellazione del reato di somministrazione fraudolenta, intervenendo a Roma alla ‘Accademy 2016’ di Confagricoltura. Sul tema dei voucher, il presidente Inps Tito Boeri dice: “Sono stato fra i primi a denunciarne l’uso patologico. Se il proposito dei voucher era quello di far emergere il lavoro nero in agricoltura, io mi sarei aspettato che si sviluppassero lì. Invece – continua Boeri – il problema è che l’uso dei voucher in Italia viene abusato in settori dove non c’era lavoro nero ed è diventato un modo per i datori di lavoro per risparmiare sul costo del lavoro, che provoca dei problemi di lungo periodo nei lavoratori che ne usufruiscono che non hanno tutela e non avranno coperture previdenziali adeguate in futuro”. “E’ un istituto nato male e incorreggibile. Il lavoro occasionale esiste, ma – conclude la Camusso – non è possibile che ci siano milioni di lavoratori impiegati in quel modo. Sfiderei chiunque a dire che ci sia possibilità di farsi una previdenza con 0,75 centesimi di euro di contributo Inail e di contributo previdenziale per ogni voucher utilizzato. Ci vorrebbero 150 anni di lavoro per accedere a una pensione minima

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontro treni Puglia: alle Ferrovie non mancano risorse, manca efficienza

next
Articolo Successivo

Il bail-in è incostituzionale?

next