Andrea Berton introduce una nuova leggera proposta per il pranzo: otto diverse insalate gourmet. Lo chef ha spiegato: “Volevo proporre una portata che sostituisse il piatto unico del business lunch e fosse al tempo stesso gustoso e sano. Spesso si associa erroneamente l’idea di insalata a qualcosa di leggero ma insapore”. Dal suo ristorante milanese alle tavole di casa, ecco ricette e suggerimenti.

Insalata verde con guaçamole, amaranto croccante e aceto balsamicoInsalata verde con guaçamole, amaranto croccante e aceto balsamico

È la più semplice delle creazioni dello chef Berton. La croccantezza dei cracker di amaranto ben si combina con la salsa guaçamole sul fondo del piatto. L’insalata verde si alterna alle foglie di belga. A dare il tocco finale, la ricercatezza dell’aceto balsamico.

Se volete riproporla a casa emulsionate avocado con sale e acqua per ottenere una guaçamole leggera all’italiana. Utilizzate l’insalata che più preferite e guarnite con cracker all’amaranto.


Estate 2016 in cucina, il pranzo si fa leggero: le insalate secondo lo chef Berton. Ricette e suggerimenti

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Massimo Bottura, la sua Osteria Francescana è il primo ristorante al mondo: “Mi esplode il cuore, è una cosa meravigliosa”

prev
Articolo Successivo

Al Joia di Pietro Leemann, nel mondo delle uova quadrate

next