Con la vittoria del ‘leave’ al referendum sulla Brexit, la Gran Bretagna esce dall’Unione europea. “Si rischia l’effetto domino”, spiega Stefano Caselli, ordinario presso il Dipartimento di Finanza dell’Università Bocconi di Milano. “Perdiamo un pezzo di DNA, l’anima liberista e mercantile che l’Europa continentale non ha. E la piazza finanziaria di Londra, motore dell’intero continente difficilmente potrà essere ricollocata altrove. Più probabile che questo ricco e complesso sistema si sposti su New York, una borsa già compatibile con quella londinese, e che in parte lo sbocco sia l’Asia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Avvocati dello Stato, a quando l’abolizione dei privilegi? – La replica

prev
Articolo Successivo

Brexit, non una scelta democratica ma una ‘roulette russa’ politica

next