Con la vittoria del ‘leave’ al referendum sulla Brexit, la Gran Bretagna esce dall’Unione europea. “Si rischia l’effetto domino”, spiega Stefano Caselli, ordinario presso il Dipartimento di Finanza dell’Università Bocconi di Milano. “Perdiamo un pezzo di DNA, l’anima liberista e mercantile che l’Europa continentale non ha. E la piazza finanziaria di Londra, motore dell’intero continente difficilmente potrà essere ricollocata altrove. Più probabile che questo ricco e complesso sistema si sposti su New York, una borsa già compatibile con quella londinese, e che in parte lo sbocco sia l’Asia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Avvocati dello Stato, a quando l’abolizione dei privilegi? – La replica

next
Articolo Successivo

Brexit, non una scelta democratica ma una ‘roulette russa’ politica

next