Il primo turno delle amministrative è ormai archiviato. I candidati sindaco di Roma e Milano avevano comunque deciso di ignorare le richieste dei cittadini che su Change.org hanno lanciato le loro proposte a tutti gli schieramenti politici in lizza. La sola eccezione è stata quella di Stefano Fassina, che comunque non ha superato il primo turno, il quale aveva deciso di rispondere a 4 petizioniTempo addietro, in tempi non sospetti, De Magistris aveva deciso di creare un profilo da decisore verificato per rispondere alle istanze dei cittadini di Napoli. Eppure la possibilità di rispondere è stata offerta – ripetutamente – a tutti i candidati di tutti gli schieramenti nelle città di Roma e Milano (qui le proposte per Milano).

Prima del ballottaggio cercheremo di far incontrare i promotori delle petizioni più popolari su Roma con i due aspiranti sindaco, Virginia Raggi e Roberto Giachetti, sperando che stavolta questi ultimi vogliano essere più attenti alle richieste che arrivano dagli elettori. L’incontro avrà come scopo quello di consegnare ai candidati le migliaia di firme raccolte su problemi reali e molto sentiti come: l’uso degli spazi pubblici, la mobilità sostenibile, i diritti degli animali, il servizio pubblico. Le proposte dei romani in un video. Speriamo che sia la Raggi che Giachetti vogliano ricevere questi cittadini romani e spiegare le loro ricette. Rispondendo in modo pubblico e trasparente. Lo chiedono 100mila i romani su Change.org.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni amministrative 2016, un’alternativa di sinistra al Pd può essere maggioritaria

next
Articolo Successivo

Elezioni Amministrative 2016, Renzi se perdi ti dimetti da segretario?

next