“Napoli, è come una deriva esotica/Se solo si trovasse in Svizzera/farebbe invidia anche all’America/Napoli, perversione geopolitica/Se Ulisse fosse nato al Vomero/Tu non saresti la sua Itaca…”.
Guapparia 2000
(Lorenzo Hengeller)
Stefano Bollani vocals and piano 

Doveva per forza arrivare a Napoli, Stefano Bollani. Perché da lì era partito, tanti anni fa, quando undicenne scoprì Renato Carosone: uno che suonava il piano, scriveva canzoni, cantava e si divertiva. Esattamente quello che avrebbe voluto fare lui. Un sogno che oggi, al culmine di una splendente carriera jazzistica e non solo, si è finalmente avverato con Napoli trip, anomalo viaggio nella napoletanità in compagnia di un nutrito e variegato gruppo di amici.

Bollani suona la Napoli che piace a lui, classica e meticcia come la versione di Reginella, dove c’è sì il mandolino, ma pizzicato da un grande brasiliano (Hamilton De Hollanda). Contemporanea come nei suoi brani ‘Nu quartu ‘e luna e Sette, attorno ai quali il dj norvegese Jang Bang ha tessuto una trama di sonorità elettroniche. Brasiliana, grazie anche al fondamentale apporto di Daniele Sepe e Nico Gori, in un altro suo pezzo, Lo choro di Napoli.

E poi c’è il tributo a Pino Daniele di Putesse essere allero, in piano solo: un gioiello. E quello, immancabile, a Carosone (Caravan Petrol, ancora in piano solo). E per non farsi mancare proprio niente, perfino il più risaputo dei classici ‘O sole mio, magico.

“Ho sempre amato questa città che vive di estremi, fra grandi difficoltà e grandi gioie e che ho frequentato moltissimo, perfino più di Rio, l’altra mia passione” dice Bollani, autore di sette dei sedici brani dell’album. “Mi piace l’energia che la pervade e che arriva da sotto, dal territorio, dal vulcano. Ma non volevo darne una visione troppo personale, per questo ho chiamato a raccolta molti amici che hanno collaborato a creare una visione d’insieme”.

Fondamentale, in questo senso, il lavoro del sassofonista napoletano Daniele Sepe, che “ha riempito l’album di cose della tradizione popolare” e riarrangiato con rispetto e ironia Nino Taranto (Il bel Ciccillo) e Raffaele Viviani (‘O Guappo ‘nnammurato). Sepe è anche autore de Il valzer del Cocciolone e suona in molti dei brani dell’album, come Nico Gori (clarinetto) autore di Napoli’s Blues.

Per non smentire la sua vena finto goliardica, il pianista che sognava di fare il cantante è interprete anche vocale di Guapparia 2000: un divertissement di qualità con dentro molto Bollani e un pizzico di Kurt Weill.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Loomings e Syndone, viaggio tra rock d’avanguardia e musica colta

next
Articolo Successivo

Red Noise Festival, a Reggio Emilia il 4 e il 5 giugno va in scena la musica indie: da Monsieur Gustavo Biscotti agli Hate&Merda

next