“Il presidente del Consiglio dovrebbe pagare una tassa per ogni bugia detta, così risolveremmo il problema del debito pubblico raggiungendo il pareggio di bilancio come la Germania”. Così Carlo Sibilia, deputato M5s e membro del direttorio, risponde alla replica di Matteo Renzi sugli 80 euro, dopo le polemiche esplose sul caso del bonus da 80 euro che, come raccontato da ilfattoquotidiano.it, 1,4 milioni di italiani dovranno restituire allo Stato. “Noi diciamo la verità, non creiamo panico. Anticipiamo i fatti – dice Sibilia – come per il caso Trivellopoli, i favori alle banche, la risposta vera è il reddito di cittadinanza: non 80 euro, ma 780 euro per rendere i cittadini davvero liberi”. “Sono tantissimi a dover restituire gli 80 euro anche sotto la soglia dei 26mila euro, ma Renzi – aggiunge Laura Castelli, capogruppo M5s alla Camera – non pensa ai veri poveri ma solo a chi ha un lavoro. Le sue sono soltanto boutade”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fmi, l’istituto internazionale si converte e condanna il neoliberismo

prev
Articolo Successivo

San Gottardo, gli svizzeri ci hanno dato l’ennesima lezione

next