Ora Napoli trema. Gonzalo Higuain, infatti, è finito nel mirino del Paris Saint Germain, alle prese con la sostituzione di Zlatan Ibrahimovic. L’attaccante svedese ha già comunicato il suo addio al Parco dei Principi, salutando il pubblico parigino dopo la finale di coppa di Lega vinta contro il Marsiglia. Al suo posto la società del presidente Nasser Al-Khelaifi ha puntato proprio l’attaccante del Napoli nonché fresco di record storico in Serie A, con 36 gol realizzati. E, di solito, quando decide di muoversi lo sceicco del Psg torna in Francia con il risultato. A Napoli, del resto, lo sanno bene: in principio fu Lavezzi a prendere un volo diretto dall’aeroporto di Capodichino con destinazione Parigi. Dopo di lui è toccato ad Edinson Cavani percorrere lo stesso tragitto. Ora, secondo quanto riportato dal quotidiano francese Le Parisien, potrebbe toccare al Pipita. A sentire il giornale francese, c’è già stato un contatto tra le parti, con un incontro tra l’entourage del giocatore e il direttore sportivo del club parigino Olivier Letang. Le intenzioni del Psg sono serie, al punto che Nicola Higuain, fratello dell’argentino è stato a Parigi lo scorso weekend e ha già visitato le strutture della società transalpina. Secondo Le Parisien Higuain è stato “sedotto dal progetto parigino” ed è “pronto ad attraversare le Alpi per scoprire la Ligue1”. Come Lavezzi nel 2012, come Cavani nel 2013. Allo stesso tempo, tuttavia, il quotidiano francese ha sottolineato come “il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è noto per essere molto duro nelle trattative”. Facile immaginare una trattativa durissima tra i due club. La clausola rescissoria del Pipita è fissata in 94 milioni di euro, ma la società della capitale francese non pare intenzionata a spingersi oltre i 60 milioni di euro. In caso di arrivo in Francia Higuain farebbe coppia con Cavani, dichiarato incedibile dal Psg dopo l’addio di Ibrahimovic.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juventus-Milan 1-0: la Coppa Italia ai bianconeri. Battuto un grande Milan, che resta senza Europa: ci va il Sassuolo

prev
Articolo Successivo

Armando Izzo, da calciatore dell’Arci Scampia (simbolo anticamorra) all’inchiesta per concorso esterno

next