Gli indagati, i politici e i loro nominati
Lega Calcio Serie B - presentazione progetto B FuturaGli indagati sono politici e amministratori dell’Aamps, ex e attuali. Hanno ricevuto avvisi di garanzia:
•il sindaco di Livorno Filippo Nogarin e l’assessore al Bilancio Gianni Lemmetti, entrambi del Movimento Cinque Stelle
•il cda di Aamps in carica, composto dal presidente Federico Castelnuovo e i consiglieri Paola Petrone e Massimiliano Tolone, tutti nominati da Nogarin nel gennaio 2016
Marco Di Gennaro, attivista M5s a Massa, nominato da Nogarin come amministratore unico nell’agosto 2014 poi esautorato nel marzo successivo e infine di nuovo nominato consigliere di amministrazione fino al gennaio 2016.
Andrea Marzovilla, consulente e delegato del sindaco Nogarin per 6 mesi (febbraio-agosto 2015) all’interno di Aamps.
•l’ex sindaco Alessandro Cosimi (2004-2014), il suo vice Bruno Picchi e l’assessore al Bilancio Valter Nebbiai, tutti del Partito Democratico
Angelo Rosi, amministratore unico dal marzo 2012 al febbraio 2013, nominato dal sindaco Pd Cosimi
Enzo Chioini, amministratore unico dal 2013 al 2014, nominato dal sindaco Pd Cosimi (di cui era stato portavoce)
Lorenzo Fommei, ex direttore generale di Aamps, nominato nel 2013 dal sindaco Pd Cosimi e confermato da Nogarin, dall’insediamento nel giugno 2014 fino al gennaio 2015. Fommei è l’attuale direttore generale di Amga (società di servizi a partecipazione pubblica in alcuni Comuni della Lombardia)
Luisa Baldeschi, responsabile legale di Aamps, e Leonardo Gonnelli, Nicola Falleni e Rosalba Minerva, dirigenti e funzionari del Comune.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rifiuti Livorno, la storia del bilancio di Aamps contestato: bocciato dai revisori, approvato dalla giunta M5s

next
Articolo Successivo

Beppe Grillo sul sindaco di Londra: “Voglio vedere quando si fa saltare a Westminster”. Giachetti: “Non fa ridere”

next