Stefano Parisi ha sorpassato Beppe Sala nei sondaggi sulle amministrative realizzati da Tecnè per TgCom24. Al primo turno il candidato del centrodestra sarebbe avanti dello 0,7 per cento, attestandosi al 38,3. A prima vista si tratterebbe di un vero e proprio travaso di voti perché rispetto all’ultima rilevazione di 10 giorni fa l’ex manager di Expo ha perso lo 0,4 per cento e la stessa quota è andata invece a incrementare le preferenze per l’ex dirigente aziendale sostenuto dall’intero centrodestra, da Ncd alla Lega Nord. Da notare che Basilio Rizzo, candidato dell’area di sinistra, raccoglie circa il 5 per cento dei voti.

Il vantaggio di Parisi su Sala si confermerebbe, anche se con una distanza inferiore, al ballottaggio: Parisi al 50,3, Sala al 49,7. L’avvertenza consueta è che per sondaggi come questi il margine d’errore è di circa il 3 per cento e quindi è da valutare la tendenza più che la misura esatta del consenso. La cosa certa è che si tratterà di un testa a testa.

Meno sorprendente – rispetto a tutti i sondaggi degli ultimi mesi – il dato di Tecnè per le Comunali di Roma. Qui è in vantaggio la candidata a sindaco del Movimento Cinque Stelle Virginia Raggi che anzi aumenta il suo bacino di voti virtuale dello 0,6 per cento. Raggi è data ora al 28,2 (contro il 27,6 del 27 aprile). La Raggi è l’unica certa di conquistare il secondo turno delle amministrative nella Capitale. Gli altri candidati forti sono sostanzialmente sulla stessa linea: Roberto Giachetti (Pd) è al 20,6 (ha perso quasi un punto), Alfio Marchini – fresco del sostegno di Forza Italia – è al 20,3 (anche se perde lo 0,6), infine Giorgia Meloni è al 19,6 per cento (flessione dello 0,4). Nel caso di un ballottaggio tra Raggi e Giachetti, la candidata grillina è in vantaggio di oltre 20 punti percentuali (finirebbe ad oggi 60,4 a 39,6). Tirata al massimo, invece, l’eventuale sfida tra la stessa Raggi e Marchini: 50,1 a 49,9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trivelle, deputati M5S diffidano ministeri Ambiente, Beni culturali e Sviluppo: “Sospendere autorizzazione a Vega”

prev
Articolo Successivo

Sondaggi elettorali, a Roma Virginia Raggi in crescita e vincente al ballottaggio: dietro Meloni e Giachetti

next