AL DI LA’ DELLE MONTAGNE di Jia Zhang-Ke (Cina, 2015) Con Zhao Tao, Zhang Yi, Liang Jingdong. Durata 131’ Voto 4/5

Go West cantavano i Pet Shop Boys negli anni settanta, e lo ripete ballando il terzetto di protagonisti cinesi proveniente dalle classi popolari tra il 1999, il 2014 e il 2025 (sì, avete letto bene). Zhang, spregiudicato rampantino di provincia, contende all’amico minatore Liangzi la mano della bella Tao. La ragazza sceglie l’arricchito Zhang (che chiamerà il figlio Dollar) e il destino dei tre si dividerà protraendosi separato negli anni, accompagnando le trasformazioni socio-economiche improvvisamente accelerate di una Cina ultracapitalista che ha disegnato identità fittizie e fatto sprofondare comunque i miserabili.

Jia usa differenti formati di ripresa, utilizza evocative immagini d’epoca (dall’interno di discoteche, come la sequenza del camion di carbone ribaltato) per mostrare lo scorrere del tempo e la mutazione antropologica dei mastodontici contesti inquadrati (siamo nel centralissimo e rurale Shanxi). Registro realistico, regia magmatica e morbidamente intrusiva per tre quarti di film, poi un’improvvisa virata in un lindo e tragico futuro quasi da fantascienza (in Australia). Regnano dolore e disillusione, ovunque e per sempre. Il 45enne Jia, già Leone d’Oro con Still Life (2006), continua ad esplorare con maestria e pervicacia un presente cinese volando sempre ad altezza cuore e anima dell’uomo. Memorabile l’ultima sequenza: se riderete non avrete capito un tubo; se rimarrete commossi qualcosina del film avrete sicuramente compreso. (DT)

Film in uscita, cosa vedere (e non) al cinema nel week end del 7 e 8 maggio

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, il corto sul disastro vince al Global Short Film Festival di New York: “Dicevano che era una storia locale”

prev
Articolo Successivo

‘Nostalgia della luce’, il capolavoro senza tempo di Patricio Guzman

next