Il fondo Atlante debutta, almeno sulla carta, andando come previsto in soccorso di Unicredit per l’aumento di capitale della Popolare di Vicenza. Il gruppo di piazza Gae Aulenti, che era unico garante della ricapitalizzazione da 1,76 miliardi dell’istituto veneto, ha infatti firmato con la Quaestio sgr di Alessandro Penati, che gestisce il fondo, un accordo di subentro in base al quale Atlante si farà carico dell’impegno. Mettendo quindi sul piatto l’intera cifra che non verrà sottoscritta dal mercato.

Unicredit, come Intesa Sanpaolo, contribuisce con 1 miliardo di euro al nuovo fondo che stando a quanto comunicato finora destinerà appunto la maggior parte della propria dotazione (il 70%) a coprire gli aumenti di capitale, mentre il 30% dovrebbe servire a rilevare crediti deteriorati.

“L’intervento del fondo, che avrà efficacia al raggiungimento degli obiettivi di raccolta minima, è coerente con le sue finalità istituzionali ed è subordinato al conseguimento delle necessarie autorizzazioni e approvazioni da parte delle competenti Autorità (Bce, Banca d’Italia e Consob) ed al rispetto dei vincoli regolamentari del fondo stesso”, si legge nella nota diffusa da Quaestio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tim, sospeso lo scatto alla risposta e il raddoppio dei costi delle chiamate fisse. Rincari già bocciati dall’Agcom

prev
Articolo Successivo

Petrolio a picco dopo flop del vertice su congelamento produzione. “Stop dell’Arabia a causa di tensioni con Iran”

next