di Carblogger

La Seat ribalta le ricerche di mercato e gli studi di mezzo mondo secondo i quali i giovani sono sempre meno appassionati di automobili, rinunciandoci volentieri. Il marchio spagnolo del gruppo Volkswagen usa uno spot per la nuova Leon station wagon per dire in modo arguto che non è vero. Anzi.

Lo spot Seat, fatto in Spagna da spagnoli con regista Gabe Ibanez alla fine del 2015 per il mercato europeo e andato in onda sulle tv italiane la scorsa settimana, si ricorda nella selva di spot automobilistici per la sua provocazione. A occhio ci deve essere lo zampino di Luca De Meo, il nuovo capo del marchio arrivato l’1 novembre scorso direttamente dall’Audi, maestro di marketing e comunicazione (chiedere al suo ex capo Sergio Marchionne, per eventuale conferma).

Ecco qui una sintesi. Mamma e papà tornano a casa con la nuova Seat Leon station wagon. La telecamera indugia nel bagagliaio grande così, da dove viene tirata giù una bicicletta nuova fiammante, regalo per il figlio. Entrano in casa, “auguri!”, il ragazzo – occhi fissi sulla telecamera verso l’auto e la bicicletta – esclama un felice “No!”. Mamma e papà si accomodano sul divano e, mentre sprizzano soddisfazione per essere bravi genitori, lo sciagurato figlio unico esce dall’inquadratura e va via. Ma al volante della Seat Leon, non della bicicletta.

Che dire? Bravi alla Seat a sfidare il senso comune dei giovani disamorati dell’auto, rischiando per altro di andare oltre il politicamente corretto, perché bicicletta significa rispetto dell’ambiente. Resta una domanda, che giriamo a De Meo: Seat è un marchio per giovani?

@carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Toyota Prius, conviene ibrida o ibrida plug in?

prev
Articolo Successivo

Vespa, quei viaggi a 70 all’ora in sella alla sorella minore PX

next