Due milioni e novecentottantamila euro: a tanto ammonta la retribuzione percepita dal presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, per l’anno 2015. La cifra è ufficializzata nella relazione annuale sulla remunerazione dei vertici del gruppo di Cologno Monzese. A Confalonieri, poi, sono andati anche 400mila euro come corrispettivo del patto di non concorrenza e 75mila euro per la carica di consigliere della controllata Mediaset España. Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente di Mediaset, ha invece incassato 1,380 milioni di euro.

Intanto sale l’attesa per la sigla dell’alleanza tra Cologno e il gruppo francese Vivendi che è anche primo azionista di Telecom Italia che secondo le indiscrezioni su cui la Consob non sembra interessata a far luce, sarà sancita da uno scambio azionario (attorno al 3%) tra le due società con l’ingresso di un rappresentante di entrambe nei rispettivi board: sul fronte italiano sarebbe in pole Pier Silvio Berlusconi, artefice dell’operazione insieme a Vincent Bollorè, presidente di Vivendi.

Al centro dell’intesa, che dovrebbe essere comunicata prima dell’assemblea di Vivendi del 21 aprile, la produzione di contenuti e la creazione di una piattaforma europea che possa fare concorrenza a Netflix, vista come il vero pericolo per le media company tradizionali. Vista la differenza di capitalizzazione tra i due gruppi il conguaglio a favore di Vivendi dovrebbe essere rappresentato dal passaggio a Vivendi di Premium, la pay tv di Cologno valutata attorno ai 900 milioni. Insieme a Canal plus dovrebbe contribuire alla realizzazione di una pay tv di respiro europeo in grado di fare concorrenza a Sky Europe.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Panama Papers, terremoto in Islanda: il primo ministro coinvolto si dimette

next
Articolo Successivo

Fiat Chrysler annuncia investimento di 500 milioni di dollari in Argentina

next