Ancora una volta Renzi ha chiarito senza mezzi termini da che parte stanno lui e il Pd. “Per l’Italia Marchionne ha fatto più di certi sindacalisti“, ha affermato. Più chiaro di così! Che ‘certi sindacalisti’ abbiano più danneggiato che aiutato l’Italia è assodato. E, tuttavia, non è un argomento per passare armi e bagagli alla difesa incondizionata del capitale e dei suoi agenti, specie se essi sono coloro che hanno promosso e promuovono folli azioni come la delocalizzazione a detrimento dell’Italia e del suo popolo.

renzi marchionne 675

La Fiat è un grandioso esempio di comunismo capitalistico: gli utili sono privatizzati, le perdite sono socializzate. Per questo, alla luce di tutti i soldi degli italiani che sono stati usati per sovvenzionare l’azienda, occorrerebbe oggi nazionalizzarla, e lo stesso occorrerebbe fare con le banche. Invece predomina, come sempre, la logica dell’utile privato ai danni del ‘bonum commune’ della comunità nazionale del popolo e dei lavoratori. Ebbene, è più che mai chiaro a tutti, ormai, da che parte si collocano Renzi e il Pd: dalla parte del capitale contro il lavoro, dalla parte dei poteri forti contro il popolo e i lavoratori. E, per ironia della sorte, la signora Boschi e il signor Renzi dicono pure – che coraggio! – di essere perseguitati dai poteri forti! Sì, proprio loro che siedono al tavolo con Marchionne e con il magnate della finanza Davide Serra!

Insomma, la situazione, inutile negarlo, è tragicomica. E i ‘militonti’ di tutt’Italia continuano a dare stolidamente il loro sostegno al Pd pensando che ciò sia di sinistra: non si accorgono che il capitale veste oggi di rosso per ingannare meglio gli ignari, per nascondere le sue oscene pratiche di distruzione dei diritti sociali e del lavoro, chiamando orwellianamene ‘riforme’ tali nefandezze che giovano sempre e solo al Signore e mai al Servo.

Insomma, la frase di Renzi va intesa, una volta tanto, come un’onesta ammissione, come un autentico riconoscimento del proprio posizionamento nel quadro del conflitto di classe: il Pd di Renzi sta dalla parte del capitale e del Signore contro il lavoro e contro il Servo. Sappiatelo e pensateci bene quando andremo a votare. Se mai andremo ancora a votare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro: l’apprendista stregone Renzi e il drago disoccupazione

next
Articolo Successivo

Italcementi, nel piano di Heidelberg previsti 400 esuberi entro il 2020

next